DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

LA DOMENICA DEL GRAN DERBI

Betis, ringhio pre-derby: Manuel Pellegrini “Al Siviglia due giorni di riposo in più”

SEVILLE, SPAIN - OCTOBER 27: Manuel Pellegrini, manager of Real Betis looks on during the LaLiga Santander match between Real Betis and Valencia CF at Estadio Benito Villamarin on October 27, 2021 in Seville, Spain. (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Pellegrini ha evidenziato l'equilibrio fra Betis e Siviglia prima del derby di questa sera allo stadio Benito Villamarin

Redazione DDD

Il cileno Manuel Pellegrini, allenatore del Betis Siviglia, ha commentato alla vigilia del derby con il Siviglia che "la squadra sta bene fisicamente e mentalmente, sotto entrambi gli aspetti", nonostante le ingombranti sconfitte negli ultimi due appuntamenti, "un paio di stop inaspettati" contro l'Atletico Madrid (3 -0) e il Bayer Leverkusen (4-0) arrivati proprio prima del derby contro il Siviglia di domenica allo stadio Benito Villamarín. Pellegrini, che ha accolto i giornalisti nella Verdiblanca Sports City dopo l'allenamento della vigilia, ha ammesso che "entrambe le squadre - Atlético e Bayer Leverkusen - hanno giocato meglio" del Betis anche se non ha ritenuto che "perdere in casa contro rivali importanti" scateni "una crisi" perché il Betis "è in una buona situazione in entrambe le competizioni - la Liga e l'Europa League". Il tecnico di Santiago parte dal presupposto "ovviamente che vincere il derby sia la cosa più importante per i tifosi del Betis", anche se preferisce "ottenere un risultato generale piuttosto che una partita una tantum, senza ignorare che sconfiggere il Siviglia per lui sarebbe la prima volta da quanto è arrivato sulla panchina betica.

 (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

(Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Pellegrini augura che domenica nel derby "lo stadio sia pieno perché la squadra si sente molto supportata dal suo pubblico", poiché dopo "undici anni alla in Spagna", sa "perfettamente cosa significhi la partita del Betis contro il Siviglia. Spero di poter portare grande gioia alle persone", ha detto. Il tecnico del Betis, però, ha chiesto "di non ignorare le potenzialità del Siviglia o il suo bilancio o quello che ha fatto negli ultimi anni", in cui "ha vinto più volte l'Europa League, è stato stabilmente coinvolto nella Champions e possono permettersi di portare giocatori importanti. È una squadra potente, una delle più forti in Spagna". "Non so chi sia il favorito, ho già detto che sono due istituzioni con una realtà economica diversa, che rappresentano una massa importante di tifosi a Siviglia. A Pellegrini non "sembra giusto" che i giocatori del Siviglia si godano due giorni di riposo in più - ha giocato martedì contro il Lille - "anche se non c'era alternativa, l'Europa League si gioca il giovedì e la prossima settimana c'è una data FIFA, quindi lunedì non si può giocare, “quindi è stato diverso il tempo di recupero”. L'allenatore del Betis ha difeso la sua stella, il centrocampista francese Nabil Fekir, espulso in Germania quando "nei primi cinque minuti ha ricevuto quattro falli", ma non ha negato che "Purtroppo ha reagito male ma continuerà a giocare con le caratteristiche che ha".

tutte le notizie di