Derby perso al Mestalla: una ferita che non smette di bruciare sulla pelle del Levante incapace di difendersi

Derby perso al Mestalla: una ferita che non smette di bruciare sulla pelle del Levante incapace di difendersi

Il Levante sognava di vincere per la prima volta al Mestalla….

di Redazione DDD

Doveva essere il derby di Morales, il veterano del Levante, e alla fine è stato il giorno della marmotta. Una storia che si ripete, scrivono i media che si occupano del Levante. Gli stessi errori che costano punti e azzerano le illusioni: calci piazzati difensivi, errori letali che rendono la squadra disorganizzata. Quindi è impossibile credere in qualcosa di diverso dalla salvezza. Anche lo stesso tecnico levantino Paco Lopez ha riconosciuto che la spinta a vincere la partita “ci ha fatto trascurare la fase difensiva”. È stata una sconfitta esasperante, così viene vissuta e metabolizzata dalle parti del Levante dopo che la squadra opsite del Mestalla si è ritrovata domenica in vantaggio sia 1-0 che 2-1, ma che poi ha finito per perdere 4-2. Passano le ore ma la sconfitta nel derby valenciano resta una rabbia terribile, per il fatto che la squadra stia sprecando il suo enorme potenziale a causa di sviste. Era solo la prima giornata, ma era un derby, e questo rende molto sottile la linea tra illusione e frustrazione. Perché difendere in questo modo non è difendere.

Cadere fa molto male e se è contro il Valencia la rabbia è amplificata. Troppi parallelismi con la sconfitta della scorsa stagione al Ciutat. Quella volta un 2-0 a favore è andato in frantumi. Ora due vantaggi (0-1, 1-2 e l’aggiunta di un gol annullato dalla nuova regola sui falli di mano). È risaputo che il Levante è fa soprattutto calcio offensivo e che lo spettatore neutrale si diverte molto, ma che fa entrare i granota in uno stato di imprevedibilità e inquietudine dall’inizio alla fine. Ma il derby ha confermato le difficoltà che ha il Levante a proteggersi, a tenere il vantaggio, che non arretra mai perché va contro la propria identità. Molti giornalisti al seguito del Levante, dopo la disfatta del Mestalla, hanno provato molta nostalgia per il Levante umile e cinico di una volta, quello che ammantò i rivali, una versione opposta a quella di oggi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy