Galatasaray in crisi, il derby ha spezzato l’incantesimo: Fatih Terim furioso con il vicepresidente del suo club

Solo sconfitte per il Galatasaray dopo lo 0-0 nell’Intercontinental derby contro il Fenerbahce

di Redazione DDD

Sembrava tutto bello e tutto positivo per il Galatasaray: due vittorie nelle prime due partite di campionato e Falcao super bomber sempre in gol. Ma il derby contro il Fenerbahce ha spezzato l’incantesimo. Dopo quello 0-0, la squadra di Istanbul è stata eliminata dall’Europa League dai Rangers e ha perso in campionato in trasfetta 1-0 contro il Kasimpasa. Durante la partita si sono sentiti allo stadio, a porte chiuse, gli strepiti del vicepresidente del club giallorosso, Abdurrahim Albayrak. I “ma basta, basta!” polemici del dirigente e le frecciate relative al fatto che il Galatasaray ha lasciato andare Yusuf Erdogan autore del gol della vittoria del Kasimpasa: tutto è arrivato alle orecchie di Fatih Terim.

Il vicepresidente critica, l’Imperatore Terim si arrabbia

Al rientro negli spogliatoi, nell’intervallo, Terim ha chiesto al dirigente di lasciarlo in pace, con la squadra già in svantaggio, e di consentirgli di lavorare al meglio con la squadra. Poi a fine gara sono esplose le tensioni dell’allenatore del Galatasaray, arrabbiato per l’aggiunta di soli 5 minuti di tempo supplementare alla partita, ha detto dopo essere entrato negli spogliatoi prima della fine della gara: “Non ho lasciato il campo. Non ho lasciato né il Galatasaray né la mia squadra. Ho semplicemente lasciato la partita. Francamente, è un peccato non per me ma per il Galatasaray. C’erano alcune situazioni contro la squadra. Ho già espresso la mia reazione. Ci sono già passato, ma non fatemi più le solite critiche”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy