Gli sceicchi salvano la Dinamo Bucarest? Mircea Lucescu tuona: “Tutto falso”

Gli sceicchi salvano la Dinamo Bucarest? Mircea Lucescu tuona: “Tutto falso”

La Dinamo Bucarest è sotto schiaffo, con 7-8 milioni di debiti e molte cause legali contro il club

di Redazione DDD

Mircea Lucescu era presente alla prima partita amichevole del Rapid Bucarest del 2020, vinta 8-0 contro l’FC Bucarest United. Quello che per i romeni resta un allenatore leggendario ha anche parlato della difficile situazione economica e societaria alla Dinamo Bucarest e ha detto che non pensava che gli sceicchi avrebbero preso il controllo del club.

Mircea Lucescu non ci crede nello “sceicco” alla Dinamo: “È una notizia falsa!”, lui ritiene che il fondo di investimento che ha dichiarato il proprio interesse per la Dinamo sia una illusione ottica senza nulla di reale: “Non credo che gli arabi vogliano subentrare, è una notizia falsa. Molti stanno cercando di creare un’immagine, fare pubblicità. Finché non vedo qualcosa di concreto, non ci credo ”

Mircea Lucescu ha affermato che Nicolae Badea è l’uomo giusto per assumere il controllo del club in questo momento: “La mia opinione è che Nicolae Badea sia l’unico e il più adatto a prendere la Dinamo. L’allenatore ha rivelato che i debiti della Dinamo avrebbero raggiunto i 7-8 milioni di euro: “il problema vero è una raffica di questioni legali, de cui è difficile uscire”. La Dinamo Bucarest ha vinto 18 volte il campionato in Romania (ultima volta nel 2007) e 13 volte la coppa nazionale (ultima volta nel 2012).

L’ex tecnico del Brescia è intervenuto, dopo che gli arabi hanno mostrato interesse a rilevare il club: “Stiamo per acquistare la Dinamo Bucarest in Romania”, la loro dichiarazione. Mircea Lucescu ha allenato l’ultima volta la Nazionale della Turchia, tra il 2017 e il 2019. L’11 febbraio dello scorso anno, “Il Luce” si è separato dalla nazionale turca a causa degli scarsi risultati ottenuti nella Nations League.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy