Higuain parla dopo il debutto flop e litiga subito con un giornalista

Gonzalo Higuain non nasconde il suo carattere nemmeno ai microfoni: dopo la lite all’esordio quando sbaglia un calcio di rigore, risponde a un giornalista che lo incalzava sul tema nazionale

di Michael Cuomo, @MichaelCuomo7

Quando si parla di Gonzalo Higuain si parla sempre di alta tensione. E lo si vede anche dalle sue prestazioni spesso nervose e deludenti. E’ stato così domenica quando, all’esordio, il suo Inter Miami ha perso 3-0 contro il Philadelphia. Il bilancio della sua prestazione si riassume in un rigore clamorosamente sbagliato e una rissa subito dopo lo stesso errore.

E proprio Higuain si è trovato a spiegare la sua rabbia nella sua prima conferenza negli States: “Quando ho visto Jakob Glesnes esultare in faccia a me per il rigore sbagliato l’ho vista come una mancanza di rispetto e ho reagito. Credo nel fair play, sono una persona emotiva e non potevo tollerare questo comportamento. Erano in cinque intorno a me a provocarmi“.

Lo stesso Higuain, poco dopo, è tornato a ‘scaldarsi’ di fronte a una domanda sulla Nazionale che lui stesso ha lasciato più di un anno fa con toni tutt’altro che distesi: “Non ho capito la domanda. Se mi sono dimesso dalla Nazionale? No, non mi sono dimesso. Non vado più in Nazionale da un anno. Non spero di tornarci, mi sento come se non potessi dare di più alla Nazionale“. E al giornalista che lo incalzava alludendo ad altre cause legate alla sua separazione con l’Albiceleste rincara: “Con tutto il rispetto, come giornalista dovresti sapere che un anno fa ho detto che non tornerò in Nazionale perché sento che non posso più contribuire alla causa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy