I tifosi di Celtic e Rangers nei pub inglesi al confine per seguire il derby: la polizia della Cumbria “Non fatelo!”

I pub in Inghilterra rischiano di essere presi d’assalto dai tifosi scozzesi in viaggio verso sud per il prossimo derby Old Firm tra Celtic e Rangers, visto che i pub scozzesi sono chiusi…

di Redazione DDD

Diversi bar sono stati contattati dai tifosi del Celtic e dei Rangers in cerca di un pub per seguire insieme la partita di sabato a Parkhead: Celtic-Rangers. Tuttavia, la polizia della Cumbria, nel nord-ovest dell’Inghilterra, ha reso noto che la regola del sei sarà applicata rigorosamente prima della partita e ha esortato i fan di entrambe le squadre a rimanere a casa, anche per non rischiare di essere multati. Le sedi autorizzate nella cintura centrale della Scozia – che coprono le aree del Servizio Sanitario Nazionale, Greater Glasgow e Clyde, Lanarkshire, Ayrshire e Arran, Lothian e Forth Valley, sono chiuse a causa delle nuove restrizioni più severe sul coronavirus.

Photo by Mark Runnacles/Getty Images

Il sovrintendente Matt Kennerley ha dichiarato: “Comprendiamo che le restrizioni sui locali autorizzati in Scozia potrebbero offrire la tentazione di viaggiare a sud del confine per visitare i nostri pub e bar, ma chiunque violi le regole qui rischia di essere sanzionato. Vorremmo che i licenziatari ne fossero consapevoli e riflettessero attentamente sulle loro responsabilità e sulle regole in atto per proteggere tutti. Per le persone nella cintura centrale della Scozia, è anche importante ricordare che il governo scozzese sta chiedendo a queste persone di riflettere attentamente sulla necessità di viaggiare al di fuori dell’area del consiglio sanitario locale. I nostri ufficiali saranno nei centri delle città e nelle aree trafficate per far rispettare le violazioni dei regolamenti.”

Il signor Kennerley ha esortato le persone a pensarci due volte prima di partire: “A causa della nostra geografia e della popolarità del Lake District, ogni giorno riceviamo visitatori da molte aree. Ad esempio, persone provenienti dalla Cumbria e dalla Scozia attraversano il confine ogni giorno per andare a lavorare, fare acquisti e socializzare nel rispetto delle regole consentite. Ma con diverse restrizioni in atto in diverse aree del Regno Unito e il virus che si sta diffondendo rapidamente, esortiamo chiunque viaggi in qualsiasi modo a riflettere attentamente sulle proprie azioni. Più limitiamo i nostri contatti meno è probabile che il virus si diffonda.In Cumbria, è necessario rispettare la regola del sei, indossare coperture per il viso sui mezzi di trasporto pubblico e il rilevamento dei contatti è in atto nei locali autorizzati”. Il Consiglio comunale di Carlisle e la polizia della Cumbria stanno lavorando insieme per monitorare la situazione nell’area.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy