DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

SCENA CURIOSA DOPO ÅSANE-IK START 1-5 DELLA SECONDA SERIE DEL CAMPIONATO NORVEGESE

Il cugino di Haaland fa tripletta in Norvegia: ma gli negano il pallone…

Il cugino di Haaland fa tripletta in Norvegia: ma gli negano il pallone…

L’IK Start ha vinto la prima gara stagionale, anche con una tripletta di Jonatan Braut Brunes, il cugino coetaneo di Haaland. Tuttavia, quando il parente della superstar norvegese ha chiesto il pallone, gli è stato inizialmente negato, ma poi...

Davide Capano

È consuetudine nel calcio che chi segna tre o più gol possa portare a casa il pallone come souvenir. Basta chiedere a Erling Braut Haaland, il cugino del 21enne Jonatan Braut Brunes, che probabilmente ha il garage di casa pieno di palloni incorniciati.

 (Photo by Alex Grimm/Getty Images)

Intanto per l’attaccante dell’IK Start, in prestito dal Lillestrøm SK, più piccolo di 17 giorni rispetto al centravanti del Borussia Dortmund, la prima partita stagionale di lunedì 5 aprile è stata davvero qualcosa da ricordare. “Uno dei giorni più belli della mia vita”, l’ha definita il ragazzo, dopo aver aiutato la sua squadra a vincere 5-1 a Bergen, sul campo dell’Åsane. Tripletta: una rete di rapina e due gol in pallonetto.

Ma quando il giovane, maglia gialla, numero 9 e capelli biondi, ha voluto ricevere il suo premio in seguito, non gli è stato dato il pallone per motivi poco chiari. “Prima ho chiesto se potevo prendere la palla, ma poi hanno detto di no. Poi ho chiesto se potevo pagarla, ma hanno ancora detto di no”, ha detto in seguito Brunes.

Quando il board dell’Åsane è venuto a conoscenza dell’incidente, è stata adottata rapidamente un’azione. “Non sappiamo esattamente cosa sia successo, ma lui voleva la palla e a quanto pare non l’aveva ricevuta – ha raccontato il direttore generale della società, Gorm Natlandsmyr, a discovery+ Norvegia –. Ne ho sentito parlare il giorno successivo e ho subito cercato di sistemare la situazione. Abbiamo imballato il pallone in una scatola ordinatamente e l’abbiamo spedita a Kristiansand”,

“Penso che sia stato un malinteso e uno dei nostri volontari ha pensato che non avessimo i palloni da regalare. Ora va bene, è successo e puoi fare tali errori di valutazione. Non dovremmo incolpare nessuno. Soprattutto, abbiamo scoperto un buon modo per risolvere il tutto – aggiunge Natlandsmyr –. Ha meritato quel pallone quando ha segnato tre gol. Devi essere generoso, anche dopo la sconfitta”.

tutte le notizie di