DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio estero

Il derby catalano alla rovescia: Pol Llonch, il pitbull che preferisce l’Espanyol al Barcellona…

ROTTERDAM, NETHERLANDS - MAY 05:  Noussair Mazraoui of Ajax battles for the ball with Pol Llonch of Willem II Tilburg during the Dutch Toto KNVB Cup Final between Willem II Tilburg and Ajax at De Kuip on May 05, 2019 in Rotterdam, Netherlands. (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

La preferenza che non ti aspetti....

Redazione DDD

Di solito è molto difficile trovare un calciatore spagnolo che non vuole giocare per il Barcellona o il Real Madrid. Ma qualcuno c'è, è il caso di Pol Llonch, un giocatore catalano che non ha avuto un momento facile durante la sua carriera sportiva e che ha finito per trionfare nell'Eredivisie, in Olanda, dove è stato nominato miglior giocatore nei mesi di gennaio e febbraio, militando nel Willem II. Llonch ha rilasciato un'intervista alla rivista Goal in cui, tra le altre cose, assicura che preferirebbe giocare nell'Espanyol piuttosto che al Barcellona, qualcosa di sorprendente considerando la rivalità tra i due club e la differenza di obiettivi con cui di solito sono livellate. Llonch, che guida il Willem II nella cabina di regia di centrocampo, giocherà la prossima stagione in Europa League.

"Vorrei giocare un giorno nella lega spagnola, inglese o tedesca. Ma il club dei miei sogni è l'Espanyol. In effetti, preferirei andare all'Espanyol piuttosto che al Barcellona", ha affermato il centrocampista, noto come "pitbull ", per la sua capacità di recuperare i palloni. La carriera sportiva di Pol Llonch è iniziata a L'Hospitalet, dove ha continuato a giocare tre stagioni in Prima squadra. Ha firmato nel 2014 per l'Espanyol B, dove ha giocato in Seconda Divisione B, con una grande stagione che gli ha permesso di giocare a Girona, nella Seconda Divisione, per due stagioni. Dopo diversi infortuni, è andato in prestito per un anno al Granada B. Il 27 gennaio 2017, è stato confermato che Llonch sarebbe partito per il Wisła Cracovia. Dopo una stagione e mezza in Polonia, ecco il Willem II.

Va ricordato che ha già affrontato la prima squadra del Barcellona, ​​nel girone dei 32esimi della Copa del Rey 2011-12, essendo un giocatore di L'Hospitalet. "È stato il miglior Barça della storia, con Pep Guardiola, e nell'andata abbiamo perso solo 0-1, eravamo orgogliosi", ricorda Llonch, che rivela di tenere a casa la maglia che Gerard Piqué gli ha regalato alla fine della partita. Non solo: "Ho affrontato Xavi. Volevo togliergli palla, ma ero sempre in ritardo, mi tradiva sempre. L'ho visto spesso in televisione, ma si è rivelato incredibilmente intelligente sul campo. Anche Frenkie de Jong è stato molto bravo. Ma mi sembrava più difficile giocare contro Luuk de Jong, che ora gioca per il Siviglia. È forte, grosso, con una buona tecnica e più veloce di quanto sembri". Tuttavia, il suo espanyolismo tornò alla luce quando Llonch parla di idoli e riferimenti: "Essendo un grande seguace dell'Espanyol, ammiravo anche Raúl Tamudo, capocannoniere e capitano. Quando avevo quattro anni, mio ​​zio, un grande fan espanyolista, mi portò allo stadio. Poi mi sono innamorato del club".

Potresti esserti perso