Il derby del Muro: Union Berlino davanti all’Hertha, fra 40 giorni sarà ancora così?

Il derby del Muro: Union Berlino davanti all’Hertha, fra 40 giorni sarà ancora così?

Prime giornate di Bundesliga e in attesa dello storico derby è in corso il duello a distanza fra Union Berlino ed Hertha Berlino

di Redazione DDD

di Consuelo Motta –

Il calcio tedesco si prepara ad una prima storica: il derby di Berlino. Union Berlino ed Hertha BSC, non si sono infatti mai incontrate in Bundesliga e la gara di sabato 2 novembre rappresenterà un unicum storico che sarà ricordato a lungo, soprattutto perché in prossimità del 30° anniversario della caduta del muro di Berlino, avvenuta il 9 novembre del 1989.

Ed è proprio la ricorrenza storica così importante che ha reso nei mesi scorsi, in fase di costruzione dei calendari, la questione un minimo controversa. A pesare sulle scelte il ricordo della Guerra Fredda che per troppo tempo ha diviso la città e i suoi abitanti. Eppure l’Hertha aveva chiesto di giocare proprio nella settimana dell’anniversario, cosa che i rivali dell’Union non hanno gradito chiedendo di fatto il contrario. Proprio l’Union rappresentava in quegli anni Berlino Est, ed è forte nella sua gente la voglia di discontinuità, indipendenza e libertà dai significati che determinate ricorrenze postano con sé, rievocando sentimenti poco piacevoli.

L’Union, squadra che dagli spalti dell’An der Alten Foresterei sfidava il partito comunista coi cori dei suoi ultras, che mai si era avvicinata alla promozione nell’ultimo decennio, approdata per la prima volta nella massima serie, e unica tra le cinque squadre della Berlino Est a non avervi mai militato; squadra dal volto anticonformista, costruita dalla gente, simbolo di rivolta e speranza, che sfida la vecchia signora del calcio tedesco, l’Hertha, la squadra della Stasi e del suo tifo tradizionalista. E per quanto possiamo andare a cercare una rivalità storica, non è mai esistita. Dal 1990 in poi, dopo la caduta del muro, le squadre sportive della Berlino Est si affacciavano al professionismo, e con la nascita della Bundesliga iniziarono le prime ovvie rivalità tra club.

Calcisticamente sarà una sorta di Davide contro Golia, possiamo così interpretarla, anche se la situazione, dopo 4 giornate di Bundesliga riserva qualche sorpresa. Sì perché è la squadra di Kopenick a partire incredibilmente avvantaggiata, al dodicesimo posto in classifica con 4 punti, tre in più dei rivali dell’Hertha che hanno iniziato la stagione 2019-20 arrancando, racimolando un solo punto e piazzandosi all’ultimo posto in classifica. Prima del derby le due squadre avranno a disposizione cinque giornate e il secondo turno della Coppa di Germania, partite che saranno training importante in vista della gara tanto attesa: Leverkusen, Eintracht, Wolfsburg, Friburgo, Bayern e Friburgo rappresenteranno per l’Union scogli abbastanza pesanti; Paderborn, Colonia, Dusseldorf, Werder Brema, Hoffenheim e Dinamo Dresda per l’Hertja Berlino.

Un mese e mezzo che ci separa da uno dei derby più attesi dell’anno, che potrebbe compattare Berlino attorno ad una rivalità tutta da costruire, in una città finalmente unita e tra due squadre che finalmente potranno dire la loro nella massima serie. Un derby tutto nuovo per la Bundesliga e per gli appassionati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy