Juan Negro Gomez e i suoi derby: “Ho giocato Boca-River con Maradona e Francescoli, ma a Bilbao volevano mangiarmi…”

Juan Negro Gomez e i suoi derby: “Ho giocato Boca-River con Maradona e Francescoli, ma a Bilbao volevano mangiarmi…”

Verso il derby basco in finale di copa del Rey

di Redazione DDD

Il calciatore argentino Juan Gómez, noto come Juan ‘Negro’ Gómez , da non confondere con il giocatore del Malaga ‘Juanito’, ha lasciato l’ Atlético Madrid nel 2003 perché Javier Clemente non lo voleva e si è ritirato. Uno dei suoi numerosi incroci con la “famiglia Athletic Club “. Lui è stato un punto di forza nelle stagioni precedenti della Real Sociedad: quindi rivali dell’Atletico Bilbao e rottamato dall’Atletico Madrid. Andiamo bene…

Arrivò nell’estate del 1996 alla Real Sociedad e oggi parla del derby basco in programma in finale di copa del Rey fra Atletico Bilbao e Real Sociedad. Prima però la sua storia dei derby baschi: “I migliori derby, i migliori, ho sempre detto che i derby preferivo sempre giocarli a San Mamés perché tu andavi e avevi tutti contro di te. Tutti volevano mangiarti, per me era l’ambiente ideale. In realtà non ho mai un solo derby in cui ero sceso in campo. Sono stato fortunato a vincere e pareggiare, ma a non perdere nessuno di quelli giocati ufficialmente. In un certo senso, quella rivalità che si prova e si sente nell’aria ha sempre reso speciali i derby. Un derby tra Real Sociedad e Athletic, anche in Argentina, è un derby diverso, perché ascolti i relatori e commentatori, ed è davvero un derby diverso “.

Hai giocato a derby in Argentina e Madrid, ma cosa c’è di diverso in un derby basco? “Quello che succede è che ho giocato un River-Boca e in quella partita, con Maradona e Francescoli, mi hanno fatto vincere il premio come il migliore della partita. Ma oltre a ciò, la particolarità del derby basco era una cosa che ho sempre detto: a San Sebastián, non mi sono sentito straniero, e con la faccia che ho… ma non mi sono mai sentito straniero. Ero straniero a Bilbao, questo sì, e mi dava tanti stimoli. Andare lì e batterli in faccia, a casa loro, era bellissimo. La prossima finale? 50 e 50. Ovviamente per me, dal profondo, voglio che il Real vinca. Il Real ha gli strumenti per battere l’Athletic, ma penso anche che l’Athletic li abbia. Inoltre, io volevo che la finale fosse quella, perché penso che il Real debba battere l’Athletic Bilbao “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy