Scozia, Massimo Donati: “Oggi zero calcio, ho Bergamo nel cuore, in Inghilterra uscite infelici del Primo ministro”

Scozia, Massimo Donati: “Oggi zero calcio, ho Bergamo nel cuore, in Inghilterra uscite infelici del Primo ministro”

Massimo Donati, ex Atalanta, oggi allenatore in Scozia, al Kilmarnock

di Redazione DDD

“E’ tutto molto difficile, la situazione è grave e in questo momento il calcio vale zero. Prima di tutto e tutti c’è la salute”. Massimo Donati, oggi vice allenatore al Kilmarnock in Scozia, la pensa così. Per TMW, l’ex centrocampista ha raccontato come la Scozia sta affrontando l’emergenza Coronavirus: “Il campionato è la prima cosa che si è fermata, oltre una settimana fa. Per il resto e fino alle scorse ore la vita è proseguita normalmente in città. Venerdì però è stato l’ultimo giorno di scuola, da oggi si va verso la chiusura di tutte le attività, pub e ristoranti compresi. In Scozia si segue un po’ quello che succede in Premier League. E proprio come lì, la ripresa per il momento è stata fissata al 30 di aprile. In generale c’è la tendenza a seguire l’Inghilterra, nonostante qualche uscita infelice del primo ministro”.

Donati ha giocato nell’Atalanta: “C’è preoccupazione per un nemico invisibile. I genitori li sento più volte al giorno adesso. E penso a Bergamo, una città che ho nel cuore e in cui ho molti amici che soffrono. Tutti insieme, uniti, usciranno da questa situazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy