Un derby non si gioca…: gesso e fede a Gran Canaria alla vigilia di Las Palmas-Tenerife

Con il gesso sui muri, ma messaggio scritto in modo forte e chiaro dai tifosi del Las Palmas, in attesa del derby casalingo contro il Tenerife: “Un derby non si gioca, si vince”.

di Redazione DDD

Le isole sono le isole. Sulle isole non ci sono i plasmi di Times Square. Quando tieni davvero a qualcosa, su un isola, hai a disposizione un gesso e un muro. Ecco come è stato scritto, da alcuni tifosi del Las Palmas, alla vigilia del derby con il Tenerife nella Seconda divisione spagnola, alle porte della città, il messaggio simbolico pre-derby.

Il Tenerife in campo con 9 punti in meno rispetto ai rivali del Las Palmas

Oggi sono attesi circa 22mila spettatori allo stadio. Oggi il derby si gioca sugli spalti del Gran Canaria Stadium e 1.300 tifosi sono attesi da Tenerife. Nel caso in cui ci fosse poca motivazione per i giocatori del Las Palmas molto più avanti in classifica, i tifosi si sono incaricati di alimentare quel desiderio competitivo. Pertanto, ieri mattina è stato possibile leggere, nell’accesso alle strutture di allenamento del Las Palmas, il seguente messaggio: “Un derby non si gioca, si vince”. Il messaggio è stato anche ribadito da Miguel Ángel Ramírez, presidente del club che ospiterà domani il derby delle Canarie, dichiarato ad alto rischio: Las Palmas-Tenerife, è tutto pronto, dopo aver sensibilizzato i tifosi. La rivalità è ben accetta, la violenza no.

Derby canario: appelli anti-violenza del Las Palmas
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy