Vigilia derby a Belgrado, Dejan Stankovic: “Parlo tutti i giorni con Mihajlovic, voglio vincere con la Stella Rossa”

Domenica alle 17.00 il derby eterno fra Partizan e Stella Rossa, le parole di Dejan Stankovic

di Redazione DDD

Dejan Stanković combatte da dieci mesi sulla panchina biancorossa della Stella Rossa, investendo enormi energie ed emozioni. Il suo Zvezda gioca in modo attraente, con tante vittorie, ma ci sono state anche esperienze amare, in qualche caso fisiologiche. Solo i più vicini a Deki sanno quanto sia stato difficile per lui dopo l’eliminazione ai rigori dalla Champions League contro l’Omonia, ma il giorno dopo ha deciso di dimenticare i ciprioti. Nell’intervista per “Novosti”, Stanković ha sottolineato la sua filosofia sportiva per andare sempre avanti a testa alta e lo ha fatto alla vigilia del derby contro il Partizan Belgrado, ultimamente un osso duro per la squadra di Belgrado: “Il tempo è volato. Il coronavirus ha avuto molta influenza sui miei inizi da allenatore. Il campionato è stato interrotto a marzo, quindi è proseguito, le qualificazioni per la Champions League si sono giocate successivamente, senza gare di andata e ritorno. Ci sono molti fattori che erano diversi rispetto al passato, quindi ci siamo adattati tutti insieme. Sono soddisfatto di quanto fatto e credo che il futuro sarà ancora migliore. Le vittorie sono state le cose migliori per me, le sconfitte sono state le più difficili. Non entrerei nei dettagli perché penso che guardarsi indietro serva solo a trarre lezioni. Non dovremmo parlare troppo del passato, ma andare sempre avanti.

Rajko Mitic Stadium (Photo by Lars Baron/Bongarts/Getty Images)

Tanta filosofia, ma alla vigilia del derby contro il Partizan, Dejan Stankovic non abbassa la testa: “Sono sicuro che avremmo superato l’Omonia se avessimo avuto due partite e che dopo avremmo combattuto allo stesso modo con l’Olympiacos per entrare in Champions League. Non vale la pena parlarne ora. Il mio obiettivo e desiderio è che Zvezda sia una squadra che giochi un buon calcio e faccia risultati. Non dico che sia sempre possibile, ma cerchiamo di mantenere le nostre partite in linea con la reputazione del club. Quindi, per meritare elogi per una buona partita, ma anche per vincere tre punti. Il nostro gruppo in Europa League è interessante e diversificato, quindi adatteremo e analizzeremo i punti di forza e di debolezza dei rivali nella preparazione delle partite”.

Qual è il consiglio più importante che hai ricevuto da Siniša Mihajlović e a volte consulti Mourinho? “Parlo con Mihajlovic quasi ogni giorno, sia della vita che del calcio, ma quelle sono solo le nostre conversazioni. Non mi sono consultato con Mourinho, ma conosco molto bene tutti i suoi principi e atteggiamenti da allenatore, quindi potrò applicarli quando sarà il momento. Lo stesso vale per tutti gli altri allenatori con cui ho lavorato e da cui ho imparato”. Cosa ti piace fare di più nel tempo libero? Quanto è cambiata Belgrado rispetto al periodo in cui ci hai vissuto? “Seguo le serie, guardo film… Rispetto il distanziamento, cerco di non muovermi in luoghi chiusi. Il soggiorno è il mio tempo libero, quando ce l’ho, perché il tempo è occupato in gran parte dagli allenamenti al “Marakana” è pieno. Belgrado è cambiata e cambia di giorno in giorno, sarà sempre bella e orgogliosa. Quando lascerò, vorrò che i tifosi si ricordino di me per vittorie, titoli e successi. C’è una lunga lista di auguri, ma non sarei venuto al “Marakana” se non avessi voluto successi e grandi vittorie”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy