Michele Santoro, il calciatore-infermiere: “C’è panico ma che gioia quando un paziente migliora, il calcio resta la mia vita”

Michele Santoro, il calciatore-infermiere: “C’è panico ma che gioia quando un paziente migliora, il calcio resta la mia vita”

L’attaccante di una squadra campana di Promozione in prima linea nell’azienda ospedaliera universitaria di Siena

di Redazione DDD

Michele Santoro è un attaccante classe ’91 della Polisportiva Puglianello, squadra che gioca nel girone A del campionato di Promozione in Campania. Santoro è di Marcianise (Caserta) e  lavora all’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese”(Santa Maria Le Scotte di Siena) nel reparto di Cardiologia e Utic. L’esterno alto sta toccando con mano l’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese e ne ha parlato a chi segue lo sport sul suo territorio, sportcasertano.it: “Non è facile stare dentro a questa situazione. C’è panico, ansia, stress ed anche la paura di essere contagiato. Ciò che mi fa sentire meglio però è magari vedere un paziente migliorare, far parte di un’equipe ed essere una figura di riferimento in questo momento di difficoltà. Sono innamorato del mio lavoro, io ho scelto lui e lui ha scelto me. Tutto questo mi gratifica e mi da la forza nonostante il grande disagio che ha portato con sè questo virus”.

Il suo racconto: “Fa male. Anche solo guardare da dietro ad un vetro, magari senza toccare o parlare con il paziente fa male, senti la sofferenza. Fa male veder portare via qualcuno in un sacco nero, pensare che verrà ridotto in cenere. Fa davvero male. La Campania è la mia terra, il calcio la mia vita. Non vedo l’ora di tornare a casa per riabbracciare la mia famiglia ed i miei compagni di squadra. Il solo pensiero di ritornare in campo mi fa venire la pelle d’oca, speriamo torni al più presto tutto alla normalità. Capisco i sacrifici fatti da calciatori e società varie ma qui si parla di salute e non c’è cosa più importante. E’ stato meglio fermare tutto per limitare i danni. Secondo me, considerando la situazione attuale, prenderanno seriamente in considerazione l’idea dell’annullamento. Non potrò mai dimenticare l’emozione della vittoria del campionato di Prima Categoria tramite i play-off con la mia Polisportiva Puglianello lo scorso anno calcistico”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy