Taranto-Cerignola, un derby in sospeso: è finita 2-2, ma il Giudice Sportivo potrebbe cambiare tutto

Taranto-Cerignola, un derby in sospeso: è finita 2-2, ma il Giudice Sportivo potrebbe cambiare tutto

Serie D, reclamo del Cerignola per il tesseramento del tarantino Kosnic

di Redazione DDD

Taranto-Audace Cerignola potrebbe non essere finita domenica, dopo il triplice fischio finale dell’arbitro Madonia di Palermo. Nell’occhio del ciclone la posizione del difensore Jevrem Kosnic, uno degli ultimi acquisti del mercato invernale: potrebbe non essere stata ultimata in tempo la procedura di tesseramento con la nuova maglia, dopo lo svincolo dalla Fidelis Andria. La società gialloblù ha effettuato il preannuncio di reclamo, e il Taranto ne ha ricevuto l’avviso.

Intanto era finito in parità il big match tra Taranto e Cerignola, con i gialloblù (beffati dopo il doppio vantaggio) che hanno subìto il gol del pari al novantesimo. Contestatissimo in particolare dagli ofantini il rigore assegnato al Taranto che ha poi portato alla rete di Benvenga.

Ma non è questo il punto. Oggi il Giudice Sportivo ha confermato di aver preso atto del preannuncio di reclamo da parte del Cerignola riguardo l’ esito della gara di Taranto, decidendo di soprassedere ad ogni decisione in merito. Nelle prossime settimane il giudice sportivo deciderà sulla questione, con l’Audace che chiederà la vittoria a tavolino per la posizone irregolare di Kosnic, subentrato all’80esimo minuto ad Olcese nelle fila del Taranto.

Ma il Giudice Sportivo non si è limitato a prendere atto del reclamo per il risultato, avendo inflitto 500 euro di multa al Cerignola, “Per avere, al termine della gara, persona non iscritta in distinta nè identificata, ma chiaramente riconducibile alla società, fatto indebito ingresso sul terreno di gioco per protestare animatamente contro il Direttore di gara”

Lo stesso dicasi per il Taranto, “Per avere persona non identificata ne autorizzata ma chiaramente riconducibile alla società, al termine del primo tempo fatto indebito ingresso nella zona degli spogliatoi per protestare contro il Direttore di gara”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy