Novara, dopo 7 mesi riecco 200 persone allo stadio: dal Gozzano ai due derby con la Juve, vittoria per l’Under 19

Novara, dopo 7 mesi riecco 200 persone allo stadio: dal Gozzano ai due derby con la Juve, vittoria per l’Under 19

Dal derby Novara-Gozzano ad oggi: riecco i tifosi allo stadio Piola

di Simone Balocco

di Simone Balocco –

Si è chiusa domenica una settimana a tinte bianconere per il Novara Calcio di Simone Banchieri. Gli azzurri, in attesa della compilazione dei calendari del prossimo campionato di Serie C, mercoledì 9 settembre pomeriggio e domenica 13 settembre mattina, hanno affrontato la Juventus Under 19 e la prima squadra della Juventus. Il primo match si è disputato al “Piola”, mentre per il secondo incontro Gonzalez e compagni sono stati ospiti dei campioni d’Italia presso il loro centro sportivo della Continassa. In quell’occasione, il derby regionale amichevole ha rappresentato la seconda uscita estiva della Juventus, affidata questa stagione ad Andrea Pirlo (la prima partita è stato il match “in famiglia” contro la Juventus Under23):

Contro la Juventus Under19, il Novara si è imposto 5-3, rimontando lo 0-3 dei giovani bianconeri scesi in campo con la terza maglia del club (a fantasia nera e arancione), mentre il Novara ha giocato con la away. I ragazzi di Andrea Bonatti, trainer della Under 19 bianconera, nei primi diciannove minuti si sono trovati, come detto, in vantaggio con le reti di Tongya, Chibozo ed Omic. Poi è iniziata la rimonta azzurra con la doppietta di Pablo Gonzalez, il gol del neo acquisto Giuseppe Panìco ed il rigore di  Nicolas Schiavi: alla fine del primo tempo il punteggio era di 4-3 per i padroni di casa. Padroni di casa che hanno chiuso la contesa a tre minuti dalla fine del match con la rete di Andrea Cisco.

Contro la Juventus “senior”, i Banchieri boys hanno subito una sconfitta un po’ troppo…bugiarda: 5-0 per bianconeri (in campo con la terza maglia), con i padroni di casa avanti “solo” 1-0 nel primo tempo con Cristiano Ronaldo. Nella ripresa, tra il 56’ ed il 65’, Ramsey e Pjaca hanno portato a tre le marcature, con la doppietta del giovane Portanova in chiusura di match (89’ e 91’). Contro i campioni d’Italia, il Novara ha disputato, dall’inizio del ritiro estivo, il suo terzo test match amichevole contro una squadra di Serie A: il 29 agosto aveva affrontato il Torino, il 2 settembre il Milan e domenica i bianconeri. Queste tre amichevoli hanno avuto un duplice significato: per Torino, Milan e Juventus, un buon test contro avversario di livello inferiore ma adatto per fare “esperimenti” tecnici e tattici in attesa dell’avvio del campionato; per il Novara, la possibilità di confrontarsi con avversari di rango (hanno giocato i vari Belotti, Zaza e Sirigu; Ibrahimovic, Paqueta ed Hernandez; Cristiano Ronaldo, Bonucci e Kulusevsky) e dimostrare di non avere nulla da perdere e lottare su ogni pallone come se fosse una partita di campionato. Con tanto di “terzo tempo” finale.

Nelle quattro partite amichevoli fin qui disputate, Banchieri ha avuto modo di schierare non solo i tre nuovi acquisti (il terzino destro Francesco Lamanna, il centrocampista bosniaco Ante Hrkac ed il già citato Panìco), ma anche testare i tanti giovani del settore giovanile che il tecnico di San Mauro ha convocato per il ritiro estivo. Tra i tanti, hanno dato buona prova di sé il centrocampista Vittorio Pagani e l’attaccante Marco Zunno: il primo, classe 2004, è stato convocato durante i play off, il secondo ha giocato una manciata di minuti tra Coppa Italia di Serie C e campionato e anche lui ha partecipato alla rincorsa play off azzurra fino alla sconfitta di Reggio Emilia contro la Reggio Audace. Si sono ritagliati un piccolo spazio anche i giocatori in prova, il centrocampista Ruggero Rusconi e il terzino sinistro Nicolò Tordini: Banchieri deciderà poi se continueranno a vestire la maglia del Novara o dovranno trovarsi una nuova squadra. Nella sua prima uscita in maglia azzurra (anche se ha giocato con la seconda maglia bianca), ha destato impressione la performance del nuovo arrivato Panìco: per l’attaccante classe 1997 (ma già con un buon bagaglio di esperienza tra Serie B e Serie C), due assist per Gonzalez, rete del pareggio e rigore procurato. Ovviamente, per affrontare la stagione il direttore sportivo Orlando Urbano dovrà cercare di dare a Banchieri i giocatori giusti, facendo anche i conti con la nuova regola sul numero dei giovani calciatori in rosa.

La partita di mercoledì pomeriggio contro la Juventus Under 19 ha avuto un risvolto molto importante perché ha visto il ritorno sugli spalti dei tifosi: il Novara ha permesso l’accesso ad un massimo di 800 tifosi nei settori “tribuna” e “distinti”. I biglietti sono stati messi in vendita solo in modalità on line e all’appello hanno risposto in duecento. L’accesso prevedeva che i tifosi fossero muniti tutti di mascherina ed una volta sugli spalti, onde evitare assembramenti, questi sono stati invitati a “sparpargliarsi” a debita distanza tra loro.

L’ultima volta che i tifosi del Novara erano entrati nell’impianto di viale Kennedy risale al 9 febbraio, quando Buzzegoli e compagni si imposero 4-1 nel derby della provincia contro il Gozzano. Da quel momento, i tornelli dell’impianto sono stati chiusi al pubblico a causa della pandemia di Covid-19. Fino al pomeriggio di mercoledì scorso, dove uno sparuto numero di supporter ha rivisto da vicino i propri beniamini. Un gesto importante quello della società novarese per avere al proprio fianco (anche se in formato ridotto) i tifosi, visto che difficilmente, almeno nel breve periodo, questi avranno accesso sugli spalti. E proprio la chiusura degli stadi sta creando qualche problema di troppo a non poche società della terza serie nazionale che quest’anno dovranno fare a meno delle copiose entrate che davano loro le vendite di abbonamenti e biglietti singoli. In attesa della compilazione dei calendari, il Novara scenderà in campo mercoledì 23 settembre nel primo turno di Coppa Italia: al “Piola” arriverà il Gelbison, compagine di Serie D di Vallo della Lucania, nel Cilento, in Provincia di Salerno. Il match (un inedito per la due compagini) sancirà l’inizio della stagione calcistica 2021/2021. In caso di passaggio del turno, il Novara se la vedrà nel secondo turno contro il Cittadella al “Tombolato” contro i granata di Roberto Venturato e degli ex Perticone, Ghiringhelli, Branca e Cassandro mercoledì 30 settembre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy