DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio italiano

Al Cagliari il Collare d’Oro, il presidente Malagò: “La storia, lo Scudetto di 50 anni fa e la lotta al razzismo”

CAGLIARI, ITALY - FEBRUARY 12: Gigi Riva and Andrea Abodi during the presentazioni of the golden collar   during the Serie A match between Cagliari Calcio and Juventus FC at Stadio Sant'Elia on February 12, 2017 in Cagliari, Italy.  (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Le motivazioni del Coni per il premio al Cagliari

Redazione DDD

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha parlato ai microfoni de lUnione Sarda decretando l’assegnazione del Collare d’Oro per il Cagliari: “Sono felice di comunicare la mia proposta alla Commissione benemerenze del Coni di assegnare il Collare d’Oro al Cagliari, quale massima onorificenza sportiva italiana. Un riconoscimento per la sua storia gloriosa, il cinquantesimo anniversario dello scudetto e in occasione del centenario della società. Questa è stata un’annata strepitosa fino a metà stagione, che ha rinverdito i fasti dei meravigliosi primi anni Settanta. Poi la squadra si è smarrita un po’, fino alla partenza di Maran. Alla società va dato merito di aver allestito un’ottima rosa, oltre che per le iniziative lodevoli nella lotta al razzismo. Quella rossoblù è una realtà solida del nostro calcio, si toglierà grandi soddisfazioni in futuro».

Giovanni Malagò ha ricordato con piacere anche la sera del 12 febbraio 2017, quando consegnò il Collare d’Oro Coni a Gigi Riva prima dell’incontro Cagliari-Juventus: “Le emozioni di quella serata cagliaritana fanno ancora parte di me, provate per il doveroso omaggio a un gigante del calcio italiano. Personalmente è stato un onore potergli consegnare il premio, mentre l’intero stadio invocava il suo nome tra applausi scroscianti. Non se ne ha mai abbastanza di campioni come lui, della sua statura. Gigi Riva non è stato solo il terminale dei sogni calcistici dell’Italia intera, ma in seguito un dirigente che ha saputo fare la differenza anche fuori dal campo. Un esempio speciale“.

Potresti esserti perso