Cagliari, Giulini con i piedi per terra: “Nainggolan? Siamo in semi-lockdown…Voglio che Di Francesco resti a lungo”

Il presidente del Cagliari fra mercato e progetto tecnico

di Redazione DDD

Il presidente del Cagliari è stato protagonista di una lunga intervista su Videolina sport, toccando vari temi, sportivi e anche economici: “Sarebbe stato poco rispettoso non vincere nel giorno del compleanno del nostro campione(afferma sorridendo).Purtroppo da presidente onorario ha vissuto una marea di sconfitte l’anno scorso, e per lui è stato terribile, ha sofferto tanto. Non vincere contro la Samp sarebbe stato un delitto. Non è stata una bella partita, è stata molto tattica, sbloccata dal rigore di Joao Pedro e dalla giocata di un fuoriclasse, come Nandez. Su 7 partite 10 punti e quello che ci dovevamo aspettare. Siamo un po’ rammaricati per come è andata a Bologna, abbiamo dominato per 60 minuti, ma poi ci siamo ritrovati sotto per gravi errori della difesa. Tutti questi ragazzi che vanno in giro per il mondo con una pandemia in corso, non so quanto abbia senso. Poi capisco che siano impegni importanti come le gare di qualificazione al mondiale, ma in altri casi come la Nations League ,onestamente sono meno importanti. Credo che ci sia poco criterio a far prendere tutti questi rischi ai calciatori e ai club. Abbiamo ben dieci convocati, come Cagliari Calcio. Nainngolan? preferisco evitare il discorso, è inutile fare voli pindarici. Siamo in semi lockdown con incassi ridotti all’osso, la biglietteria a zero, stadi chiusi, e purtroppo la situazione è destinata a durare a lungo”.

(Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Il presidente dei sardi sul progetto Di Francesco: “Un progetto intrigante quello del mister, c’è tanto entusiasmo dal lato sportivo. Quando si cambia tanto a livello di filosofia e normale che non arrivino subito i risultati. Sono contento di come è riuscito a trovare un assetto tattico diverso in pochissimo tempo e permettere a Joao Pedro di esprimersi al meglio. La cosa importante e che il brasiliano dia continuità di prestazioni in un ruolo che sente suo. Abbiamo tanta qualità davanti che ovviamente deve trovare filtro con la fase difensiva. Finalmente quest’anno abbiamo trovato due terzini affidabili, che fanno bene tutte due le fasi di gioco. Il nostro obbiettivo e fare meglio dello scorso anno, la posizione in campionato dipenderà dal livello del campionato stesso. Di Francesco spero che rimanga a lungo, voglio costruire con lui qualcosa di importante.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy