Dani Olmo, Rrhmani, Moro: parla Cvitanovic: “Dani e Moro ok in Italia – Rrhmani fortissimo nell’uno contro uno”

Dani Olmo, Rrhmani, Moro: parla Cvitanovic: “Dani e Moro ok in Italia – Rrhmani fortissimo nell’uno contro uno”

L’ex giocatore del Napoli, con un passato da allenatore, ha parlato anche di Benkovic

di Domenico La Marca

Mario Cvitanovic, ex allenatore della Dinamo Zagabria, con un passato da calciatore in Italia con le maglie di Napoli, Verona e Venezia, è stato intervistato in esclusiva da Domenico La Marca per Derbyderbyderby.it, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sui tanti talenti che si sono imposti sotto la sua guida nel club croato tra i quali spiccano in particolare modo Benkovic, Dani Olmo e Moro, ecco quanto emerso:

Benkovic – “E’ un grandissimo talento, possiede una potenza fisica dirompente ed è davvero esplosivo, è imperioso nel gioco aereo. Benkovic, inoltre, è in grado di leggere la partita, e parliamo di una persona molto umile. Con me ha raggiunto la prima squadra a 18 anni, meritandosi le chiamate delle varie nazionali croate.”

Il ruolo – “E’ un centrale che può disimpegnarsi in tutti i ruoli difensivi, è davvero abile nell’uno contro uno grazie anche alla sua velocità. Sono convinto che possa dire la sua negli schemi tattici di Gasperini.”

Dani Olmo e Moro – “Possono entrambi giocare in Italia, hanno maturato una notevole esperienza internazionale grazie alla Champions League. Moro è ritornato più forte di prima dopo un infortunio, è un vero lottatore, può giocare in tutti ruoli della mediana, in particolare mi piace considerarlo un centrocampista box to box, ha un carattere forte ed è ordinato tatticamente. Dani Olmo è migliorato in maniera eccezionale soprattutto nell’ultimo anno, ha una grande visione di gioco, eccezionale nel primo tocco di palla ed è davvero abile nell’uno contro uno. Mi ricordo come Dani Olmo alla sua prima partita europea, nonostante la pressione, riuscì ad essere il migliore in campo, trascinando anche i veterani della Dinamo, in quella sfida nel finale lo spagnolo si fece espellere ma nonostante ciò gli dissi che per quella volta l’avrei perdonato… .”

Rrahmani – “Con me ha giocato centrale ed anche terzino, nell’uno contro uno è davvero forte, un calciatore tosto e tecnicamente concreto, un’unica controindicazione può essere il fatto che questo difensore si potrebbe trovare in difficoltà in una difesa troppo alta. E’ un nazionale ed ha fatto vedere le sue qualità a Verona, mi auguro che possa imporsi anche in un club come il Napoli.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy