Franco Ceravolo: “Con altri colpi oltre ad Hakimi, l’Inter potrà insidiare la Juve nella prossima stagione”

Franco Ceravolo: “Con altri colpi oltre ad Hakimi, l’Inter potrà insidiare la Juve nella prossima stagione”

Pronostici e pensieri, con vista sul prossimo campionato

di Domenico La Marca

Durante il programma “Taca La Marca” in onda su Radio Musica Television è intervenuto Franco Ceravolo, noto dirigente sportivo, il quale si è soffermato sulle vicende di Serie A e su tanti altri temi. Scudetto-Juventus: “La Juventus sin dall’inizio stagione è sempre stata in testa, la gente si aspetta sempre cose importanti, vincere è sempre difficile, contano i risultati, la Juventus nonostante tutto si è ripetuta, complimenti a loro. Le chiacchiere lasciano il tempo che trovano”. Osimhen-Napoli: “Quando si acquista un calciatore, seguito oltre dall’allenatore, dallo staff dirigenziale e dal direttore Giuntoli vuole dire che hanno fatto un grande lavoro e ciò significa che hanno visto delle potenzialità importanti per la rosa del Napoli, non ho dubbi che sia un calciatore interessante. Non sarà facile integrarsi nel calcio italiano, ma potenzialmente ha delle caratteristiche per diventare un calciatore molto importante. È un giocatore che si esalta nella velocità, negli spazi può diventare devastante e agli azzurri manca un giocatore con questa qualità”.

Achraf Hakimi neo nerazzurro

I colpi della Serie A: “Le squadre di prima fascia faranno colpi importanti per poter confrontarsi anche nelle competizioni internazionali. Le società fanno tanti sacrifici e squadre come l’Inter possono fare tanto, visto la disponibilità economica e la presenza di Conte, che pretende e vuole vincere subito, sono convinto che la società nerazzurra accontenterà il suo tecnico con qualche acquisto di grande livello, come Hakimi, che è uno dei migliori in circolazione. La squadra di Conte può dare fastidio alla Juventus nella prossima stagione e farà di tutto per vincere lo scudetto.”

Gattuso: “Rino a livello familiare per me è come un figlio, l’ho portato a Perugia quando era ragazzino. Non è solo grinta e carattere, ha dimostrato fin dall’inizio la sua idea di gioco. Ha uno staff importante ed è molto preparato a livello tattico, con il suo carattere riesce a portare la squadra dalla sua parte. Da 10 anni sta dimostrando di essere un grande allenatore, ha fatto un grande lavoro al Milan, lo sta facendo al Napoli, è predestinato a vincere un qualcosa di importante quanto prima, mi auguro che possa accadere a Napoli, i tifosi partenopei devono essere contenti di avere un allenatore così forte e bravo, ma soprattutto una persona umana, onesta, carismatica che difficilmente si può trovare con queste caratteristiche nel mondo del calcio.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy