Gaetano D’Agostino: “De Paul vada al Napoli e si troverà bene, Sanchez farà bene nel prossimo campionato”

Parla l’ex centrocampista di Roma e Udinese

di Domenico La Marca

Durante il programma Taca La Marca in onda su Radio Musica Television è intervenuto Gaetano D’Agostino, tecnico ed ex centrocampista di Roma e Udinese, il quale si è soffermato sul finale di stagione e su tanto altro. De Paul-Napoli – “E’ un giocatore importante, lo ha dimostrato all’Udinese e con la nazionale argentina. Parliamo di una mezzala offensiva, lega il gioco ed ha grande piede, oltre ad essere già abituato alle pressioni giocando in squadra con Messi. Poi a Napoli gli argentini si son sempre trovati bene.” Sanchez – “Può fare ancora benissimo, è un calciatore di caratura internazionale. Ha girato l’Europa e ogni campionato porta con sé una diversa preparazione settimanale: doveva solo riabituarsi all’Italia. Il prossimo anno, se dovesse restare all’Inter, potrebbe davvero disputare un ottimo campionato, essendo uno abituato a fare gol.”

Zaniolo – “La Roma, con qualche problemino economico e con un’offerta importante, potrebbe vacillare e fare cassa per poi reinvestire. Soprattutto se non dovesse esserci il cambio di proprietà. La volontà, da quello che si apprende dalla stampa, è quello di trattenerlo, ma la società non può dire ‘lo vendiamo’ perché abbasserebbe il prezzo e favorirebbe eventuali acquirenti.” Centrocampo Napoli – “Forse manca un giocatore alla Nainggolan o alla Barella, manca quel calciatore che ruba palla e riparte. Il giocatore moderno deve saper fare entrambe le fasi. Serve un elemento dinamico, che fa legna, ma nel corso dell’anno ti segna anche 5-6 gol. Allan è un top, ma il suo tempo a Napoli sembra finito e deve essere sostituito da un calciatore all’altezza.”

Rimpianto Napoli – “L’unico rammarico è aver detto di no al Napoli in maniera frettolosa, era un periodo bello perché mi sentivo importante e tante squadre mi cercavano, ma allo stesso tempo ero confuso. Uno come me al Napoli si sarebbe divertito e avrebbe divertito la gente.” Scudetto con la Roma – “Sono passati 20 anni, ma il ricordo è indimenticabile. La festa al Circo Massimo fu qualcosa di meraviglioso. Dispiace oggi vedere le piazze del Sud patire il gap con le squadre del Nord. Questo dipende da vari fattori che abbracciano non solo le società ma anche i tifosi: al nord hanno obiettivi prefissati, non è importante se si perde un derby, perché c’è il traguardo finale al quale mancano 36 giornate. Al Sud ci si deprime o esalta per una partita, alla Roma hanno massacrato Fonseca, che per me ha fatto una grande stagione all’esordio in Serie A, dopo due partite. Lo stesso con Sarri ma la Juventus ha resistito: se Sarri avesse allenato una squadra del Sud, con le prestazioni offerte quest’anno, sarebbe stato esonerato. Invece il tecnico è stato protetto, perché lì non c’è Ronaldo o Sarri, ma c’è la società.”

Udinese – “Non può andare sempre bene, troppe salvezze stentate. Io vorrei rivedere talenti come Sanchez e una squadra più propositiva, anche perché sono stati investiti tanti soldi per lo stadio.” I miei calci piazzati – “Il mio idolo era Juninho, in Italia Mihajilovic. Il gol più bello invece l’ho realizzato all’Olimpico con la maglia della Fiorentina, anche se perdemmo 3-2 contro la Roma.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy