Gigio decisivo: in Europa le sue parate sono un record

Gigio decisivo: in Europa le sue parate sono un record

Donnarumma resta uno dei pilastri della squadra rossonera

di Redazione DDD

di Mattia Marinelli –

Il Milan va avanti con la linea Gazidis: acquisti giovani e mirati come a suo tempo fece il suo Arsenal. Ma a gennaio, in caso di necessità, si potrebbe fare un’eccezione. Intanto si punta al ritorno in Champions League per tornare a coinvolgere nuovi sponsor.

Intanto, a proposito di giovani, Donnarumma è il più decisivo: 81,9 per cento di interventi riusciti, il rinnovo una priorità. Il giovanissimo Gigio è la “vecchia” certezza del Milan, con i suoi 20 anni è il più giovane della rosa ma anche quello con più presenze: 166. La cifra del suo ingaggio pesa sul club ma è proporzionale al suo rendimento.

Torna il campo, a Verona contro il tabù sosta. Dopo una pausa per le nazionali, il Milan non vince dal 16 ottobre 2016, con i rossoneri che passarono in casa del Chievo con un comodo 3-1. Da novembre 2016, il Milan peraltro dopo la sosta nazionali è sempre tornato in campionato in trasferta. Il Milan prosegue gli allenamenti, ieri Rebic ha svolto lavoro personalizzato e a Verona probabilmente partirà dalla panchina. E’ molto probabile che tocchi a Samu Castillejo completare l’attacco insieme a Piatek e Suso. Resta da capire se Piatek sarà al centro dell’attacco o sull’esterno. Il portoghese a segno con l’Under 21. Il croato stanco ma in ascesa: Giampaolo ha i cambi pronti per svoltare. Anche Theo Hernandez sta bene e non vede l’ora di tornare sulla scena. A Verona, Rebic potrà essere il primo cambio visto che Giampaolo ama il rodaggio lungo.

Su un altro fronte, nel girone A del “Primavera 2”, anche la Cremonese e il Brescia. I giovani rossoneri allenati da Federico Giunti esordiranno sabato 14 settembre al Vismara contro lo Spezia. Daniel Maldini appare in predicato di fare la spola fra la Primavera e la Prima squadra. Obiettivo risalire subito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy