Il compleanno di Recoba, Pippo Maniero: “Novellino diventava matto in settimana, poi però alla domenica…”

Il compleanno di Recoba, Pippo Maniero: “Novellino diventava matto in settimana, poi però alla domenica…”

I 44 anni di Alvaro Reboca, gli aneddoti veneziani di Pippo Maniero sull’iconico talento uruguagio

di Redazione DDD

Compie oggi 44 anni uno dei talenti più particolari e per certi versi inafferrabili del calcio italiano di fine anni ’90 e inizio 2000: Alvaro Recoba.

Il compagno d’attacco nei cinque mesi al Venezia Filippo Maniero lo ricorda ai microfoni di Sky Sport: “La piazza impazzì totalmente, noi eravamo elettrizzati… pur non lo avessimo ancora visto giocare dal vivo! Nelle ripetute non lo vedevi neanche. Odiava la corsa, la tattica: era disgustato da queste cose. E Novellino diventava matto. Arrivava alle 10 meno due minuti, sistematicamente. Faceva morire dal ridere, di uno svogliato unico. Il mister si incazzava ma chiudeva un occhio. Anche perché poi alla domenica la risolveva lui. Durante la settimana lui non è che stesse lì a provarle continuamente, poi però in partita gli venivano naturali. Baggio e Mihajlovic si fermavano a provare a fine allenamento, Recoba no, era talmente conscio del suo potenziale che forse non gli serviva. Quando capitava o la buttava dentro oppure usciva di poco”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy