DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

IMPORTANTI ANCHE PIOLI E OSIMHEN

Incocciati e il duello fra Napoli e Milan: “Importanti l’equilibrio di Spalletti e il fattore Ibra”

Incocciati e il duello fra Napoli e Milan: “Importanti l’equilibrio di Spalletti e il fattore Ibra”

Ex Milan ed ex Napoli, sulle prime due della classe ecco le parole che vengono da Fiuggi...

Redazione DDD

Riguardo al dualismo al vertice Napoli-Milan, la redazione di DerbyDerbyDerby.it ha intervistato in esclusiva Giuseppe Incocciati, ex calciatore tanto partenopeo (1990-1991), quanto rossonero (1979-1985). Ti ha stupito l’exploit del Napoli con Spalletti? “Devo essere sincero: già dai tempi di Gattuso pensavo che il Napoli non fosse competitivo, a livello di organico, per lo scudetto. Alla fine ai partenopei mancava una sola cosa, che Spalletti sembra aver portato”. Che cosa? “Equilibrio. Purtroppo in queste stagioni alcune turbolenze hanno portato a momenti di grande difficoltà”. Reputi pertanto il Napoli una squadra competitiva in ottica tricolore? “Se il Napoli dimostrerà di saper gestire i momenti difficili con maturità il dado sarà tratto”.

Per quanto riguarda il Milan invece? “A livello di percorso il Milan ha cominciato con Pioli ormai due anni fa. Mi sembra una squadra viva, rodata, che sa gestire al meglio la pressione. E’ un collettivo compatto e coeso”. Ti ha stupito la crescita esponenziale di Tonali? “Secondo me ha soltanto sofferto il peso di una maglia prestigiosa come quella del Milan nella prima stagione. Adesso mi sembra stia dimostrando le sue caratteristiche a pieno”. Fronte Napoli è esploso invece Osimhen… “Lo conosco da tempo, da quando militava in Ligue 1. Evidentemente il Napoli lo monitorava da tempo. L’anno scorso è stato penalizzato dal Covid e da qualche infortunio, ma la sua qualità non si può discutere. Poi c’è un altro fattore”. Quale? “Vede la porta ed è micidiale in zona gol. Sono requisiti chiave nel giudicare un attaccante”.

Credi che Milan e Napoli possano giocarsi lo scudetto appaiate, fino alla fine, nonostante le coppe europee? “Difficile prevederlo ora. Certamente c’è bisogno di una rosa valida per competere su due fronti. Sul Milan dobbiamo considerare un fattore positivo”. Quale? “Il ritorno di Ibra. Sicuramente avrà un impatto importante, anche sul campo”.

tutte le notizie di