Mattia Caldara a Bergamo: il primo tassello di un nuovo Milan riveduto e ridisegnato

Mattia Caldara a Bergamo: il primo tassello di un nuovo Milan riveduto e ridisegnato

Tanti movimenti di mercato Milan

di Redazione DDD

di Mattia Marinelli –

Leao è stato preso sotto l’ala protettrice di Ibra: “Per me è come se fosse già un fratello maggiore. Con lui possiamo vincere più facilmente. Da quando è arrivato ha iniziato a parlare con me, dandomi tanti consigli su come migliorare e su come stare in area”. Invece sul mercato, il Milan parte da cessioni dolorose per portare a compimento la ristrutturazione che deve riportarlo in Champions. Le indiscrezioni che arrivano da Milanello parlano di un cambio di modulo, lo svedese domani sarà titolare a Cagliari e avrà Leao al suo fianco in attacco. Sono bastati pochi giorni perché il bomber di Boban e Maldini prendesse in mano la situazione.

Accordo Atalanta con il club rossonero: prestito per 18 mesi, riscatto a 15 milioni. Oggi le firme e forse si allena già. Mattia Caldara sognava tutto questo dal pre-Kharkiv, quando tutto è cominciato con un incontro con i Percassi a inizio novembre. Ora è stato trovato un accordo per un prestito di 18 mesi con diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Per Fabio Borini al Verona passaggio a titolo definitivo, con un contratto di sei mesi.

ecco la rivoluzione che Zvone Boban avrebbe voluto fare già a giugno. Solo pochi elementi sono inamovibili: Ibrahimovic, Donnarumma, Leao, Theo Hernandez, Bennacer e Romagnoli. Di Politano torneranno a parlare Milan e Inter, bocciata per ora la partenza di Kessie. Piatek verso la cessione al Tottenham che deve sostituire Kane, fuori squadra fino ad aprile. L’Inter non accetta di dare via il suo attaccante in prestito. In ogni caso il feeling fra Conte e Politano non è mai nato. La prima fase del mercato della dirigenza rossonera è quella alla voce “cessioni”. L’operazione di Caldara all’Atalanta è in ogni caso slegata da quella di Simon Kjaer.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy