Ombre Juve su Dzeko e Icardi: chi deve uscire dall’angolo è Marotta

Ombre Juve su Dzeko e Icardi: chi deve uscire dall’angolo è Marotta

di Redazione Derby Derby Derby

di Redazione DDD –

Il primo allenamento a porte aperte dell’Inter a Lugano è coinciso, forse non a caso, con la prima seduta estiva senza Mauro Icardi. L’Inter non voleva rendere evidente, plastico e filmato, il distacco, l’imbarazzo. Ma c’è dell’altro. Icardi lascia Lugano, ma Dzeko e Lukaku non sono ancora dell’Inter.

Noi di DDD-Derbyderbyderby.it lo avevamo scritto e paventato una decina di giorni fa che c’era nell’aria qualcosa di particolare nel giro degli attaccanti, con la Juventus reduce dallo scambio Spinazzola-Pellegrini con i giallorossi, perfettamente informata di ogni passo della trattativa Dzeko. Un po’ come faceva Marotta con Carnevali su Sensi, in relazione alle mosse e alle offerte di Maldini. Nel calciomercato, ci metti un attimo a passare da martello a incudine. Dipende dalle alleanze, alle quali peraltro il Milan è estraneo.

Oggi ne parla la Gazzetta dello Sport: I rapporti sono freddi dell’Inter con la Roma anche per il sospetto di un asse con la Juve. Marotta non vuole pagare 20 milioni Dzeko sapendo che sarebbero girati su Higuain consentendo poi a Paratici di prendere Icardi a prezzi irrisori alla fine del mercato.

Del resto un anno fa, Roma e Inter facevano tranquillamente affari: Zaniolo di qua e Nainggolan di là. Ma un anno fa Marotta era alla Juventus, oggi l’ex bianconero è a Milano e sembra diventato un sorvegliato speciale per Agnelli e Paratici.

Quindi delle due l’una: o c’è un patto fatto a Ibiza per lasciare Icardi sulla schiena dell’Inter, bloccandogli il mercato attaccanti, oppure la strategia punta a portarlo a Torino in stile low cost. Intanto Icardi ha lasciato il ritiro dell’Inter, decisive le parole di Handanovic. La reazione a caldo con chi gli è vicino: “Resto qua, prendo due anni di stipendio”. Per l’Inter difficile venderlo. A meno che la Juve…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy