Bari, derby social con botta e risposta tra un tifoso e Luigi De Laurentiis: “Parli a vanvera”

Tutto tace a Bari in chiave calciomercato e tra i tifosi pugliesi cresce la protesta social contro la proprietà biancorossa

di Enrico Vitolo
bari - tifoso - de laurentiis

Si sa, sui social può accadere davvero di tutto. Anche che un presidente risponda a un tifoso. Domandare a Luigi De Laurentiis che nelle scorse ore ha avuto, sul proprio profilo Instagram, un pepato botta e risposta con un sostenitore del Bari che lo accusava di non pensare al club pugliese dopo la mancata promozione in Serie B: “E mentre lei guarda la luna, a Bari sono 3 settimane che aspettiamo e sentiamo solo un silenzio agghiacciante! No ma, se la prenda con calma eh, tanto, chi se ne frega del Bari vero?”. Immediata la risposta del numero uno biancorosso: “Caro Roberto, parli a vanvera senza avere alcuna cognizione del lavoro da remoto che viene compiuto ogni giorno dal sottoscritto e dal suo team di lavoro. Ma lo comprendo. Forza Bari!”.

Uno scambio di vedute che è poi proseguito con la controrisposta del tifoso: “Presidente è ovvio che io, come nessun altro, possa sapere il lavoro da remoto che fate, ma quello che mi permetto di dire, non a vanvera, è la lentezza decisionale e l’assoluta mancanza di comunicazione, mi creda, io sono tra i tifosi più composti e pacifici, ma qui a Bari sono in tanti a cominciare a infastidirsi e lanciare anatemi e improperi nei confronti della proprietà, io nonostante tutto difendo e difenderò sempre il vostro operato, ma vi chiedo, gentilmente, di comunicare con la “piazza” barese in modo diverso, più costante. Sono sicuro che farete un eccellente lavoro come sempre, ma per favore, siate un pò più vicini alla nostra realtà”. Affermazioni alle quali De Laurentiis ha replicato, chiudendo definitivamente la questione, con queste parole: “Lo faremo non appena avremo informazioni utili da darvi. Non le terremo per noi le notizie. Stiamo lavorando anche per voi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy