Cristiano Lucarelli: “Mazzarri mi faceva insegnare i movimenti a Cavani e Lavezzi”

Durante la conferenza stampa di presentazione il nuovo allenatore della Ternana ha parlato anche di Carlo Mazzone

di Enrico Vitolo
lucarelli - napoli - cavani

Oggi allenatore, ma ieri calciatore. Per la precisione attaccante. Questo dice la carta d’identità di Cristiano Lucarelli, uno di quelli che davanti alla porta non sbagliava quasi mai: “Nel mio ultimo anno da giocatore al Napoli, a fine allenamento Mazzarri mi chiedeva di insegnare i movimenti da attaccante a Lavezzi, Cavani e Vargas. Ed erano già fortissimi all’epoca. Lì ho capito che avrei potuto fare l’allenatore” – ha detto Lucarelli neo allenatore della Ternana nel corso della conferenza stampa di presentazione, dopodiché ha anche aggiunto –. Ha ragione Mazzone quando dice che se vuoi augurare una disgrazia a qualcuno, auguragli di fare l’allenatore. Però quando arriva il risultato, ti senti davvero gratificato”.

Poi è stata la volta delle parole al miele per Walter Mazzarri: “Da lui ho imparato sicuramente un altro modo di vedere le gare, di prepararle. Perchè io prima ero un centravanti che pensava a stoppare, girarsi e tirare in porta, senza pensare al resto – racconta l’ex bandiera del Livorno -. Con lui ho imparato il concetto di gruppo, di squadra, di sacrificarsi tutti insieme per la stessa causa e ragionare sempre da squadra. Con lui abbiamo finalmente lavorato sulla tattica e la differenza in campo si vedeva quando affrontavamo gli avversari, in pratica ci sbattevano contro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy