Duro colpo Cerignola: il Tar è pro Figc – De Brasi ha voglia di futuro dopo la Cavese

Duro colpo Cerignola: il Tar è pro Figc – De Brasi ha voglia di futuro dopo la Cavese

Il Tar dà ragione alla Figc e il Cerignola si allontana nuovamente dalla Serie C – Dal campo: intervista a De Brasi, dopo un anno fra i pali della Cavese

di Domenico La Marca

Cambia ancora il quadro nella questione Audace Cerignola. Dopo la nuova ammissione in Serie C dei pugliesi (decisa dal Collegio di Garanzia), il TAR ha accolto la domanda FIGC. Quindi, per sapere se l’Audace Cerignola potrà o meno giocare in Serie C bisognerà attendere il 9 settembre. Così ha deciso la sezione prima ter del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, che ha accolto la domanda cautelare monocratica presentata dalla Federcalcio e disposto la sospensione degli effetti del provvedimento del Collegio di Garanzia dello Sport.

A proposito di Serie C, Giuseppe De Brasi è un portiere di sicuro affidamento che l’anno scorso ha difeso i pali della Cavese. Il calciatore, attualmente svincolato, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Derbyderbyderby, soffermandosi sul suo futuro, ecco quanto emerso:

Futuro – “Voglio sposare un progetto serio, che mi dia la possibilità di continuare il mio percorso di crescita e che mi possa mettere in mostra.”

La stagione – “La mia stagione è stata estremamente positiva con la Cavese, soprattutto nella seconda parte di campionato ho dato il mio contributo alla causa del club campionato con ottime prestazioni.”

Abolizione delle liste – “Sono d’accordo con l’abolizione delle liste, nel calcio deve scendere in campo chi merita a prescindere dal fattore anagrafico.”

Parate – “Credo di aver realizzato delle ottime parate con la Viterbese, che ci hanno permesso di dare slancio alla nostra rincorsa playoff, ed anche nella sfida con il Monopoli mi sono esaltato.”

Girone meridionale – “Quest’anno nel girone meridionale ci sarà grande spettacolo, le società hanno potuto investire senza limitazioni sul mercato e sono stati allestiti degli organici di grandissimo spessore. Vedo favorite Bari, Catanzaro e Reggina, ma attenzione alle sorprese, in tal senso la Virtus Francavilla ha acquistato calciatori importanti e può contare su un grande tecnico come Trocini.”

Modica – “Modica è un allenatore preparato ed una gran bella persona, che ha fatto cose straordinarie con la Cavese, sfiorando una sorprendente qualificazione ai play-off ed offrendo un calcio propositivo ed armonioso. Sono convinto che con la Vibonese realizzerà una stagione di valore.”

Rende – “Il Rende rimane nel cuore, ho giocato cinque anni con questo club, e sono sincero quando dico che il presidente Coscarella e il direttore Ciardullo sono due fattori determinanti per le fortune di questo sodalizio. Nel Rende contra prima l’uomo e poi il calciatore.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy