Foggia, Serie C confermata: sarà derby col Bari, Roberto Floriano “Tutte partite da cerchiare in rosso”

Foggia, Serie C confermata: sarà derby col Bari, Roberto Floriano “Tutte partite da cerchiare in rosso”

La Sicilia, la Puglia e i derby di C: grande attesa

di Redazione DDD

L’edizione odierna di “Repubblica” riporta un’intervista realizzata all’esterno del Palermo Roberto Floriano. Fra derby con il Catania, sfide contro squadre blasonate e quella contro la sua ex Bari dovrà cerchiare in rosso tutto il calendario? “Il derby è un altro appuntamento da cerchiare in rosso come la partita contro il Bari, ma c’è anche il Foggia. Di certo le sfide importanti ed esaltanti non mancheranno. Sono tutte partite belle ed entusiasmanti da giocare”.

Floriano, 34 anni compiuti nello scorso mese di agosto, ha giocato in passato sia nel Bari che nel Foggia, le due squadre che torneranno nel prossimo campionato a sdfidarsi nel derby pugliese dopo la sentenza che ha confermato la presenza dei rossoneri foggiani nel prossimo campionato di Serie C. In ogni caso c’è il rischio che slitti la prima giornata: “Siamo fermi dal primo marzo e purtroppo non è il massimo avere la prospettiva di un possibile slittamento. C’è l’agitazione proclamata dall’associazione calciatori per la storia delle liste bloccate dei ventidue, vediamo cosa accadrà. Noi dobbiamo comunque essere pronti per il 27 settembre. La voglia di giocare è tantissima, così come è altrettanto grande la voglia di rivedere la gente allo stadio”. Per lei è stato il primo ritiro in pieno sud. Com’è andata? “Il posto è splendido, a Petralia Sottana si sta bene, è una bella cittadina, a vederla dall’alto fa il suo bell’effetto. Con il gruppo ci siamo trovati benissimo, si lavora bene, si sta insieme la sera. Il ritiro del resto è questo e qui abbiamo avuto a disposizione tutto il necessario per lavorare al meglio. Il bilancio di questa prima parte di preparazione è sicuramente positivo, abbiamo lavorato tanto e bene”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy