Gol e motori: dopo il derby a pieni giri il Cesena pensa a Milan e Pesaro, il Rimini invece…

Gol e motori: dopo il derby a pieni giri il Cesena pensa a Milan e Pesaro, il Rimini invece…

Cesena: tifosi bianconeri in moto e derby vinto in coppa Italia. Prossimo derby con Pesaro rinviato, per via della gara con il Milan. A Rimini nessuna tragedia per il derby perso, ma profonde riflessioni.

di Redazione DDD

La gara tra Cesena e Vis Pesaro, valida per il secondo impegno del triangolare di Coppa Italia di serie C (i bianconeri hanno debuttato vincendo 2-1 a Rimini, gol di Butic e De Feudis) si giocherà domenica 11 agosto e non il 18, come previsto inizialmente dal regolamento dopo il risultato del Romeo Neri. L’ufficialità è arrivata attraverso un comunicato della Lega Pro. Il match è stato anticipato, con l’assenso di tutte e tre le società per consentire al Cesena la disputa dell’amichevole di lusso con il Milan di sabato 17 agosto alle ore 20.30 al Manuzzi

Resta scolpito in ogni caso il risultato del derby : Rimini-Cesena 1-2. Risultato frutto di una partenza a razzo del Cesena. E a razzo erano partiti, alla vigilia del derby, anche i tifosi cesenati. In centinaia avevano infatti scelto di andare alla prima partita ufficiale della stagione bianconera tutti assieme in moto, scooter e motorino. Partiti domenica pomeriggio dallo stadio Manuzzi, numerosi supporter bianconeri avevano raggiunto Rimini, percorrendo in moto le strade della Romagna fino a raggiungere Rimini per il derby.

Poi il Cesena ha vinto e sempre in moto, felici, sono tornati a casa. I riminesi invece hanno riflettuto sulla partita. Il giornalista Cesare Trevisani si è espresso così su newsrimini.it: “Complimenti a tutti quelli che hanno reso ancor più calda la sfida sulle tribune. In campo si sono viste due squadre dal passo e dalla fisicità diversi; differenti anche nell’organizzazione. Va rimarcata la quantità di benzina disponibile e anche la qualità del lavoro svolto fin qui. Tutti elementi a vantaggio del Cesena. Bisogna aggiustare e irrobustire il Rimini, bisogna inserire giovani che consentano di schierare almeno tre under stabilmente in ogni minuto di tutte le partite  e non sarà facile farlo perché la serie C ha ‘spazzolato’ quasi tutto quel che c’era di disponibile sul mercato. Tutte cose da fare in un contesto fin qui tecnicamente disordinato”.

“Insomma, l’1-2 di è stata la migliore sconfitta possibile. S’è visto in negativo quel che si sapeva, s’è visto in positivo quel che si sperava. Per 60 minuti la superiorità cesenate è stata evidente, però quando la partita s’è messa meglio il Rimini ha usato qualità – il carattere – che non è facile trovare sul mercato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy