La Viterbese non voleva il girone C ma ci deve giocare: si parte dal derby umbro-laziale sul campo della Ternana

In campo domenica alle 17.30 allo stadio Liberati di Terni

di Redazione DDD

di Valentino Cesarini –

Domenica si inizia! Finalmente, dopo mesi di stop dovuti all’emergenza Covid, il campionato di Serie C prenderà il via, con i primi anticipi del sabato. Anche il pericolo sciopero, indetto dall’AIC è stato scongiurato. La Viterbese per il terzo anno consecutivo è stata inserita nel girone C, quello meridionale. Di fatto ci si aspettava una situazione simile, anche se la Società del Presidente Romano ha cercato di far cambiare idea ai vertici della Lega, senza però riuscirci. Così domenica si parte, e si parte subito con il botto! Proprio così, perché la Viterbese di mister Agenore Maurizi, sarà di scena al Libero Liberati di Terni, con inizio della sfida alle ore 17:30. Non è geograficamente un derby, ma le due città sono divise da appena 56 km e la sfida è sentita da entrambe le tifoserie, che però non potranno godersi lo spettacolo, visto che la gara si giocherà a porte chiuse, causa Covid.

In Campionato sono 6 le sfide giocate a Terni fra le due squadre. Il bilancio sorride ai rosso verdi che conducono con 4 vittorie, contro un successo dei viterbesi e un pareggio. La prima sfida risale al 14 aprile 1929, campionato di Prima Divisione Sud girone A quando i locali vinsero 3 a 1 grazie alle reti di Romboli, Biagioli e Bellini, che resero inutile la marcatura di Carbonetti. Nel novembre 1935, la Ternana vinse con un netto 2 a 0 con le reti di Pierucci e Biagioli. Lo stesso identico risultato i rosso verdi lo ottennero anche dieci anni dopo (2 dicembre 1945), quando D’Orazi e Cioni stesero i gialloblù. Poi bisogna aspettare 47 anni perché le due squadre si incrocino di nuovo. È il campionato di Serie D girone E. Al Libero Liberati, il 17 aprile 1994, la Viterbese di mister Leonardo Acori ottiene una vittoria importante grazie ad una rete di Enrico Botti, ma il successo non servì purtroppo per vincere il campionato, che se lo aggiudicò il Teramo.

La stagione successiva, la gara (giocata l’11 dicembre 1994) sempre del campionato Dilettanti, si chiuse in parità. Al vantaggio della Viterbese grazie all’autorete di Pocetta, ci pensò il difensore Marco Bignone a fissare il punteggio sul definitivo 1 a 1. Sullo 0 a 0 la Ternana sbagliò un rigore con Tommaso Maurizi, fratello dell’attuale mister della Viterbese. A fine stagione, la Viterbese vinse il campionato proprio ai danni della Ternana (che fu ripescata in estate). L’ultimo incrocio fra le due squadre risale alla scorsa stagione. Sabato 23 novembre 2019, sotto un diluvio le due squadre si affrontano a viso aperto. Al vantaggio nel primo tempo di Ferrante, la Viterbese rispose al 75’ con il goal di Michele Volpe. Quando il match sembrava essere finito, Vantaggiato al termine di una mischia in area trafisse Pini, regalando la vittoria alle Fere. Al termine del match ci furono tantissime polemiche (da entrambi le parti) per la direzione di gara del Sig. D’Ascanio della Sezione di Ancona e per il gesto antisportivo di Mammarella ai tifosi della Viterbese. Per essere più precisi, fra le due squadre, al Libero Liberati ci fu un incontro anche di Coppa Italia di Serie C. Il 22 agosto 2007, il match finì 1 a 1 con le reti di Andrea Langiotti per la Viterbese e di Sasha Cori per la Ternana.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy