Su due murales il calcio d’inizio del derby siciliano: Sant’Agata risponde da Catania al simbolo del Palermo di Santa Rosalia

Su due murales il calcio d’inizio del derby siciliano: Sant’Agata risponde da Catania al simbolo del Palermo di Santa Rosalia

Il derby Catania-Palermo è diventato il Derby delle Sante patrone firmato Tvboy.

di Redazione DDD

Il derby siciliano tornerà su un campo di calcio nel prossimo campionato di Serie C. I tifosi torneranno a vedere l’Aquila palermitana e l’Elefante catanese sfidarsi sul rettangolo verde dopo sette anni e mezzo. Era l’aprile del 2013, stadio Massimino, quando Barrientos e Ilicic all’ultimo secondo firmarono l’1-1 finale davanti a 16mila spettatori. Intanto, però, in attesa di tornare alla sfida sul campo, grazie all’artista Tvboy ha preso vita da diverse settimane a questa parte un altro derby siciliano, quello delle Sante.

Da inizio agosto Catania, nell’area del mercato del pesce, si è risvegliata con un nuovo murales dello street artist palermitano, raffigurante la Patrona della città, Sant’Agata. Nell’opera di Tvboy, la Santa sorregge dei seni, riprendendo la leggenda secondo la quale l’allora Preconsole Quinziano, dopo essere stato ripetutamente rifiutato dalla giovane che aveva scelto la strada della Chiesa, decise di farle tagliare entrambi i seni. Sant’Agata indossa il tradizionale velo rosso, simbolo delle ragazze vergini consacrate a Dio; sul petto è raffigurato lo stemma del Calcio Catania. Così come, poco più di un anno fa, la Santa Rosalia di Tvboy, dipinta a Palermo in piazza Meli, portava fiera il logo dell’US Città di Palermo.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy