L’ Inter mette ko il Milan e Conte resta imbattuto alla prima in un derby

L’ Inter mette ko il Milan e Conte resta imbattuto alla prima in un derby

Tradizione confermata da parte di Conte che alla prima in un derby con un nuovo club non sbaglia mai.

di Redazione Derby Derby Derby

di Enrico Vitolo

Ora chiamatelo pure l’uomo dei derby. Non segnerà più come faceva in passato quando era calciatore, ma anche dalla panchina Antonio Conte riesce comunque a incidere in una stracittadina. Tanto, tantissimo. Specie se si tratta del primo derby alla guida della sua nuova squadra. Anche con l’Inter l’ex commissario tecnico della Nazionale italiana ha timbrato il cartellino, rinviando nuovamente l’appuntamento con il primo passo falso. Un’autorete di Leao a inizio ripresa e un gol di Lukaku nel finale hanno permesso ai neroazzurri di battere il Milan e al suo allenatore di confermare così una tradizione iniziata nell’ormai lontano 2007-08 in Serie B quando alla guida del Bari si impose per 1-2 a Lecce. Nella sua Lecce. Ma nel calcio si sa, i sentimenti non possono e non devono condizionare.

Nel 2010-11 invece, sempre nel torneo cadetto, si dovette accontentare dell’1-1 ottenuto con il Siena sul campo del Livorno. Ma pazienza, sempre meglio di una sconfitta che non piace a nessuno. Altro giro, altro risultato positivo. Anzi, ritorno immediato al successo. Questa volta alla guida della Juventus, un successo di fatto mai in discussione nel derby con il Torino del 2012-13 deciso dalla doppietta di Marchisio e dalla rete di Giovinco. Letteralmente più sofferta la vittoria con il Chelsea nel primo derby londinese, fondamentale in questo caso la rete segnata da Diego Costa all’89 per riuscire a battere 2-1 il West Ham alla prima assoluta in Premier League. Una vittoria finita nel libro personale dei ricordi di Antonio Conte, lì dove da qualche ora è stata inserita anche la vittoria di San Siro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy