Nocerino: “I giocatori del Toro si facciano un esame di coscienza – Sarri non è quello di Napoli…”

Antonio Nocerino, ex Juve ed ex Toro

di Redazione DDD

di Mauro Suma –

30 settembre 2007: è la data dell’unico derby torinese giocato da Antonio Nocerino: “Segnò Trezeguet in recupero, io giocavo con la Juventus. Con la maglia del Torino, nel 2014, non ho giocato il derby perchè ero infortunato”.

E’ l’incipit di un ex sotto le due bandiere, in vista di Toro-Juve di sabato sera: “Sopratutto per il Toro il derby è una cosa seria, non vedo un risultato già scritto. I granata sentono moltissimo il derby, non come la Juve. La Juve sente di più le partite contro l’Inter. Per il Torino questa partita è troppo importante, sia perchè è un derby sia perchè la squadra è in un momento delicato. Mazzarri è un gran lavoratore e il lavoro paga sempre, troppo comodo mandare via l’allenatore, troppo facile. Fra i granata i giocatori chiave non sono al top, ma per tutti loro è arrivato il momento di farsi un esame di coscienza”.

E la Juve? “La Juve è forte – dice convinto Nocerino – ma attenzione Sarri non è quello di Napoli. A Napoli vinceva le partite solo giocando bene e solo quando la squadra giocava bene. A Torino ci sono campioni così importanti che la squadra di Sarri vince anche quando non gioca bene. Gioca in un modo o gioca in un altro, la Juve alla fine vince, sa solo vincere. Ma deve stare attenta all’orgoglio del Torino, perchè all’ambiente granata basta anche una sola grande partita per rialzarsi”.

Se dovesse andare male a Mazzarri? “Vedrei molto bene Gattuso, tutti pensano che Gattuso sia solo generosità. Non è vero, è una etichetta. Gattuso è competente e il Torino potrebbe essere il suo ambiente ideale, perchè lui è una persona vera”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy