DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

ILARITA' SCOLASTICA

Quinta elementare, il derby dell’ortografia fra Lens e Lille

Quinta elementare, il derby dell’ortografia fra Lens e Lille

Il bimbo sbaglia l'esercizio in nome del derby e il professore premia la sua intraprendenza...

Redazione DDD

Un insegnante di Scuola elementare ha condiviso su Twitter un esercizio di grammatica in cui uno dei suoi studenti ha gentilmente schernito il Lille, battuto a Lens nel derby di settembre. "I miei studenti hanno proprio talento", ha scritto scherzosamente il prof., Anthony, su Twitter. Questo insegnante di scuola ha condiviso sui social network lunedì un esercizio eseguito da un ragazzo nella sua classe ad Harnes. Il giovane doveva completare l'inizio di una frase con "un gruppo verbale". “Era una valutazione grammaticale ben lontana dal calcio!", precisa l'insegnante.

Alla proposta "Lucile ed io andiamo... ", l'allievo ha risposto " al cinema". Alla seconda proposizione, "gli abitanti dell'isola...", l'allievo risponde "hanno perso il derbie". "Per la battuta, ho cambiato la mia affermazione per dargli ragione. Nella nostra fascia scolastica non abbiamo voti, ma risultati, ecc…”, spiega a La Voix du Nord lo stesso Anthony, che ha quindi sostituito “l'isola” con “Lille”. Quanto all'uso della parola "derbie" invece di derby, Anthony, non se l'è presa con il suo allievo: "Non è ancora una parola molto comune, è solo la quinta elementare, e non era questo il senso dell'esercizio in sé. Quindi l'ho convalidato perché non avrebbe comunque cambiato la valutazione complessiva”, spiega l'insegnante. Su Twitter i sostenitori Lensois ovviamente hanno applaudito la risposta dello studente: "Merita 20 su 20 solo per la risposta". Alcuni lcuni sostenitori Lille sono stati anche un po' duri nelle loro risposte: "Il tuo studente non era nato durante l'ultima vittoria di Lens contro il Lille", "Almeno a livello di ortografia sappiamo che è Lensois"...

Nel complesso, questo piccolo tocco di umorismo ha principalmente divertito il web. È stato apprezzato oltre 800 volte 24 ore dopo essere stato pubblicato. “Non pensavo che avrebbe avuto così tante reazioni. Ho solo pensato di pubblicarlo e far sorridere 2/3 amici che lo avrebbero letto", ride l'insegnante.

tutte le notizie di