DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

COSI' NON VA...

Debiti e influenze politiche: il derby di Teheran è spalle al muro…

Debiti e influenze politiche: il derby di Teheran è spalle al muro…

Persepolis ed Esteghlal si danno battaglia nel derby di Teheran ma non sono state ammesse alla Champions League asiatica. Gli stretti legami con lo Stato frenano i club. E la privatizzazione è lontana.

Redazione DDD

In Iran c'è una grande passione per il calcio. Quando i top club del Golfo Persico, l'Esteghlal della capitale iraniana e la rivale cittadina Persepolis si incontrano nel derby di Teheran, possono attirare folle di 100.000 persone all'interno dello stadio Azadi, che loro condividono nella capitale iraniana. Esteghlal e Persepolis sono più che squadre di calcio, sono vere e proprie istituzioni. L'Iran si è qualificato per cinque Mondiali, battendo in particolare gli Stati Uniti per 2-1 a Francia 1998. Il centrocampista Saman Ghoddos ha collezionato 12 presenze in Premier League con il Brentford in questa stagione, segnando un gol contro il Burnley. L'ala Alireza Jahanbakhsh ha collezionato 61 presenze con il Brighton, ma ha avuto maggiori successi in Olanda, dove ora è al Feyenoord. Nel frattempo, l'attaccante Sardar Azmoun si unirà al Bayer Leverkusen, squadra della Bundesliga, in estate dopo quattro anni di successi in Russia con lo Zenit San Pietroburgo. Ma in patria, la Lega del Golfo Persico iraniana è scivolata dietro ai suoi rivali asiatici.

 Lo stadio Azadi fra la marea blu dell'Esteghlal e quella rossa del Persepolis

Giappone e Corea del Sud hanno entrambe competizioni nazionali sempre più professionali, con club che hanno vinto 12 campionati continentali asiatici in questo secolo. Anche i vicini regionali come Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti hanno campionati nazionali meglio finanziati e gestiti in modo più professionale, e i loro club hanno anche alzato il trofeo asiatico negli ultimi due decenni. L'ultimo club iraniano ad essere incoronato "Re dell'Asia" è stato l'ormai defunto PAS Tehran nel 1993. Al giorno d'oggi, sebbene Esteghlal e Persepolis possano essere amate e ben sostenute, ciò non significa che siano ben gestite. A gennaio, entrambe sono state escluse dalla Asian Champions League 2022, il torneo per club più importante del continente, per non aver soddisfatto i criteri necessari in materia di sport, infrastrutture, amministrazione, legale e finanza. Dariush Mostafavi, l'ex presidente della Federcalcio iraniana, ha reagito rapidamente alla notizia. "Il vero problema oggi è la presenza della politica nel calcio", ha detto alla televisione di stato iraniana. Persepolis ed Esteghlal sono entrambi di proprietà del Ministero della Gioventù e dello Sport, una situazione che va contro le regole della Uefa asiatica, che vietano ai club con gli stessi proprietari di partecipare alla Champions League. In Europa, una questione simile è stata sollevata sulla partecipazione dei club sostenuti dalla Red Bull a competere in UEFA Champions League.

I legami tra squadre di calcio e organizzazioni statali non sono insoliti in un certo numero di paesi asiatici, ma pochi sono così vicini come al proprio Stato così come lo sono i due club di Teheran. allo stato iraniano. I cinque volte campioni iraniani del Sepahan SC, che sono di proprietà della Mobarakeh Steel Company, sono un buon esempio per tentare strade nuove. Si parla da tempo di allentare i legami tra club e Stato, ma la cosa non è andata molto avanti e la notizia dell'espulsione di Persepolis ed Esteghlal è stata accolta in maniera positiva alcuni ambienti "La maggior parte delle persone è d'accordo con la decisione dell'AFC e dice che vorrebbe averlo fatto prima", ha detto Jafarzadeh. Con i club che dipendono finanziariamente dallo Stato, ci sono pochi incentivi per sviluppare quelle aree che l'AFC vorrebbe idealmente vedere, come le accademie giovanili, le squadre femminili e i dipartimenti commerciali e di marketing come dipartimenti di club calcistici autosufficienti e di proprietà privata. Ma attenzione, anche se i legami politici potessero essere allentati, è improbabile che l'attuale stato finanziario di molti club, Persepolis ed Esteghlal sono molto indebitati. indurrà il settore privato a farsi coinvolgere. I proventi delle trasmissioni televisive, che portano miliardi di dollari ai massimi campionati europei, sono trascurabili in Iran. La televisione di Stato trasmette le partite ma, nonostante il pubblico stimato sia compreso tra 5 e 10 milioni, paga solo 3 milioni di euro (3,4 milioni di dollari) all'anno. Questi soldi non vanno nemmeno direttamente ai club, ma prima al Ministero della Gioventù e dello Sport, che poi li distribuisce. Le sanzioni di lunga data imposte dagli Stati Uniti all'Iran , volte a punire economicamente il Paese, hanno avuto un effetto negativo anche sul calcio.

tutte le notizie di