Il portiere Joronen: la barzelletta dei bergamaschi, la rivincita dei bresciani

Il portiere Joronen: la barzelletta dei bergamaschi, la rivincita dei bresciani

Un gigante fra i pali del Brescia: Jesse Joronen

di Redazione DDD

di Mattia Marinelli –

Aveva fatto bene a Cagliari, ha fatto benissimo a San Siro. Due trasferte consecutive per il suo Brescia e un solo gol subito, con 3 punti in classifica per la sua squadra. E’ andata bene, meglio di ogni tipo di previsione. E a Brescia hanno iniziato a voler bene a Jesse Joronen, un 26enne gigante finlandese cresciuto nel Fulham e sgrezzato dal Copenaghen.

Proprio questo è il punto. I tifosi bresciani, soprattutto per la nota e radicata rivalità con gli atalantini bergamaschi, avevano fatto proprio di Joronen già il loro idolo un anno fa. Dopo tanta fatica e dopo tante occasioni sprecate, la squadra di Gasperini era stata eliminata ai rigori dai danesi del Copenaghen, con le parate decisive di Joronen.

E’ anche così che i tifosi del Brescia si sono rifatti, anche magari rispetto alla barzelletta estiva che girava fra le valli bergamasche. Una barzelletta immaginifica con un capo-tribù del deserto che doveva scegliere quante frustate dare e quale desiderio soddisfare per un veronese, per un bresciano e per un bergamasco…Ottenute, sempre secondo la barzelletta, cento frustate in meno, il veronese e il bresciano hanno scelto di mettersi dei cuscini sulla schiena contro le frustate, mentre il bergamasco ha optato per le frustate senza sconti ma a patto di mettersi un bresciano sulla schiena…

Le ottime prestazioni di Joronen, il gigante finlandese, sembrano un ottimo antidoto. Con uno come lui sulla schiena del bergamasco, il bresciano non si farà mai male…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy