DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

IL DERBY DEI BECCHINI

Religione ortodossa e gas salvavita: ecco perché la Stella Rossa di Belgrado è filorussa

Religione ortodossa e gas salvavita: ecco perché la Stella Rossa di Belgrado è filorussa

Il patto resiste, anche di fronte agli orrori della guerra

Redazione DDD

Ha fatto notizia la scelta della Stella Rossa di non rinunciare alla partnership con Gazprom. Quando è andato in scena il derby Eterno di Belgrado (Stella Rossa-Partizan 2-0) alla fine dello scorso mese di febbraio, c'è stata una scenografia da parte della Curva Nord del Marakana. Loro hanno negato che le croci del cimitero su sfondo gialloblu si riferissero all'Ucraina, ma il dubbio è rimasto. In ogni caso, per quanto riguarda la partnership russa nel nome del gas, la Stella Rossa è, letteralmente, sopravvissuta nel 2010 grazie a Gazprom e all’accordo commerciale di 12 anni siglato con il gigante del gas.

A rendere vicina la Stella Rossa alla Russia ci sono anche motivi religiosi, che spiegano il coro “Russi e Serbi fratelli per sempre” intonato al Marakana di Beòlgrado. Alla base c’è il forte gemellaggio tra Stella Rossa, Spartak Mosca e Olympiacos fondato sui colori comuni e sulla fede ortodossa. Insomma esiste il sentimento filorusso di una buona parte della società civile serba. Anche se forse non è stato rispecchiato dalla coreografia della Zvezda nel derby. In quel caso l’intenzione dei tifosi era ricreare la scena del film Marathon Family (1982), in cui un vecchio uomo entra in un cimitero e fa fuggire tutti i becchini, i “Grobari”, così come vengono chiamati i tifosi del Partizan.

tutte le notizie di