DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

NESSUNO LO RICORDA MA E' COSI'...

Steaua-Dinamo? E’ Venus-Rapid il derby Eterno di Bucarest…

Steaua-Dinamo? E’ Venus-Rapid il derby Eterno di Bucarest…

Mercoledì 15 dicembre di fronte l'FCSB Bucarest secondo in classifica con 43 punti e il Rapid Bucarest quarto a quota 31.

Redazione DDD

Come in molti altri paesi comunisti dell'ex blocco orientale, l'instaurazione di un nuovo sistema sociale in Romania dopo la seconda guerra mondiale fu un terremoto in tutti i settori della società. Anche nel calcio. La sua capitale, Bucarest, una delle città più vivaci dell'Europa tra le due guerre (al punto da meritarsi il soprannome di "piccola Parigi"), era già sede di una rivalità negli anni '30 tra le sue squadre più popolari: Venus e Rapid. Il primo proveniva dal quartiere omonimo e nel 1939 costituì, con sette titoli nazionali, il club di maggior successo nel calcio rumeno. Con il grande sostegno delle libere professioni e della borghesia cittadina, il Venus Bucarest è stato il primo club del suo paese a giocare contro il Liverpool e a partecipare alla Coppa Mitropa, il precursore mitteleuropeo dell'attuale Champions League, ha ingaggiato allenatori stranieri (come l'ungherese Ferenc Plattko, ex portiere del Barcellona) e, qualcosa di molto strano per l'epoca, decise di installare l'illuminazione artificiale nel suo affascinante stadio. Ma il Venus cessò di esistere nel 1949, dopo che le autorità comuniste costrinsero tutte le entità sportive a fondersi con gli organi dello Stato (esercito, polizia, sindacati...). Niente più Venus, che è stata una delle due metà del primo grande derby di Bucarest.

Il loro competitor cittadino era il Rapid, fondato nel 1923 nel quartiere Giulesti e con grande entusiasmo tra i ferrovieri. Il Rapid impedì al suo grande rivale cittadino di prendere la coppa (lo sconfisse nella finale del 1940) ma non riuscì a vincere alcun campionato prima della guerra. Ma ha fatto epoca il grande derby del 1933. Se il Rapid avesse vinto allo stadio Venus, sarebbe stato proclamato campione di Romania. Con il Rapid in vantaggio 1-0, un cross del Venus nell'area del Rapid è rimbalzato su un difensore ospite. Nonostante l'arbitro non abbia decretato nulla in quel momento, le proteste del pubblico lo hanno portato a chiedere al giocatore, che con un gesto inedito ha ammesso di aver deviato il pallone con il braccio. Il Venus ha segnato il rigore e il Rapid è rimasto senza campionato a causa del calciatore più onesto della storia. Episodi come questo illustrano perché i duelli tra Venus e Rapid meritassero il soprannome di Eternul derby. Entrambi i club hanno costituito la maggior parte della squadra rumena che ha viaggiato fino alla Coppa del Mondo 1938, ha combattuto per i titoli e ha rappresentato classi sociali antagoniste: borghesia e mondo operaio. Ma se qualcuno chiedesse dell'Eternul derby di Bucarest oggi, nessuno parlerebbe del Venus. Nemmeno il Rapid. L'instaurazione del comunismo ha portato alla creazione della Steaua, un satellite dell'esercito, e della Dinamo, un'estensione della polizia: 26 campionati vinti dalla Steaua e 18 dalla Dinamo, numeri che rappresentano i due terzi di tutti i campionati rumeni giocati dal 1951. Adesso però nessuno dei due vince il campionato dal 2015, periodo in cui lo Steaua ha perso lo stadio, lo scudetto e anche il nome. In seguito alla conversione in ente privato, il suo vulcanico proprietario, l'imprenditore Gigi Becali, si è impegnato nell'imprudente compito di discutere con il Ministero dell'Esercito, che alla fine tenne per sè l'utilizzo del marchio Steaua. Ecco perché ora il club si chiama FCSB, un artificio realizzato con le iniziali del club campione europeo del 1986. E si avvicina il derby di campionato con il Rapid...

tutte le notizie di