L’Hammarby di Ibra perde il derby di Stoccolma contro l’AIK dei giovani: Bilal Hussein ha deciso la sfida

L’Hammarby di Ibra perde il derby di Stoccolma contro l’AIK dei giovani: Bilal Hussein ha deciso la sfida

Hammarby-AIK 0-2, con i gol di Bilal Hussein e Sebastian Larsson, a porte chiuse

di Redazione DDD

L’AIK Stoccolma era arrivato al derby, dopo aver perso 4-1 in casa contro l’IFK Norrköping e per i gialloblù, proprio dopo il cappotto dell’Arena Friends, non erano stati giorni semplici. Ma proprio per questo è stato ancora più bello guardare il tabellone, dopo il derby vinto contro l’Hammarby. I biancoverdi erano i favoriti, ma dopo un primo tempo senza gol, è stato l’AIK a impressionare di più. “Una volta che recuperiamo palla, la perdiamo troppo facilmente. Dobbiamo essere più aggressivi”, aveva detto a fine primo tempo Abbe Khalili, centrocampista di origini palestinesi dell’Hammarby. Sullo 0-0 a fine primo tempo, Sebastian Larsson, aveva invece detto per l’AIK: “Veniamo da una brutta sconfitta, quindi non dobbiamo parlare ma solo giocare”, ha detto brevemente.

E giocare è stato proprio quello che i Yellow Blacks hanno fatto meglio anche nel secondo tempo, grazie in particolare a tre giovani ragazzi di Stoccolma: Bilal Hussein, 20 anni, di Hjulsta, Paulos Abraham, 17 anni, di Solna e Tom Strannegård, 18 anni, di Stocksund. Al 55esimo AIK in vantaggio, con il primo gol nel campionato svedese da parte di Bilal Hussein. Tre minuti dopo, ha raddoppiato Larsson: 0-2 e partita chiusa. “Abbiamo corretto gli errori della partita contro il Norrköping e quando abbiamo segnato i due gol, poi abbiamo gestito bene la situazione”, ha detto Hussein. Per l’AIK il derby è stato una rivincita dopo la sconfitta per 2-1 nello scorso mese di settembre, mentre l’Hammarby ha perso la prima partita del 2020.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy