DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

JUVENTUS-UDINESE 2-0

Da Alex Sandro a Pellegrini, via “Arrivamaluccio”

TURIN, ITALY - JANUARY 15:  Luca Pellegrini of Juventus competes with Tolgay Arslan of Udinese Calcio during the Serie A match between Juventus and Udinese Calcio at Allianz Stadium on January 15 2022 in Turin, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

La Juve cambia otto undicesimi e Dybala non esulta...

Redazione DDD

analisi Facebook di Roberto Beccantini -

Tutto era cominciato proprio con l’Udinese, in Friuli. Un quarto d’ora da favola, i gol di Dybala e Cuadrado, gli scempi di Szczesny, i due pali, l’alluce tecnologico che tolse l’ultimo gol all’ultimo Cristiano. Da quel dì, via il Marziano e - salvo rari sprazzi: in Champions, soprattutto - un attorcigliarsi lento e mesto su sé stessa, la Juventus. Fino all’Udinese, again. Allegri è il candidato della base alla «presidenza» delle responsabilità. Adani e Cassano lo voterebbero per alzata di mano già al primo scrutinio. Per il resto, e con i resti, si vive alla giornata.

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Mentre l’Inter si è juventinizzata (Marotta, Conte, forse Dybala) la Juventus si è dejuventinizzata. Otto cambi, rispetto a San Siro. E la solita solfa. L’Udinese dietro, Kean un po’ qua e un po’ là, Arthur a ricamare, Bentancur a recuperare, Kulu a caccia del dribbling perduto. Il gol lo segna Dybala, su azione Arthur-Kean-Nuytinck. Non esulta, l’Omarino. Guarda, torvo, la tribuna. Allegri l’ha fatto capitano. Gradi, non gradini. «Arrivamaluccio», in compenso, parla troppo: contatto, di sicuro; contratto, boh. Dopo la Supercoppa, si gridò: perché Alex Sandro e non Pellegrini. Stavolta, dopo Arslan e soci, perché Pellegrini e non De Sciglio? Piano piano, la squadra di Cioffi, bersagliata dal Covid, ha preso campo con il suo rambismo da provincia, risorsa e non certo limite. La Juventus ha cominciato a rinculare, molti errori nei tocchi. Mollezza, lentezza. Paura di aver coraggio.

Allegri è ricorso a energie fresche. Bernardeschi, per esempio: svagato e pure a rischio penalty; Locatelli, meglio. E De Sciglio, per fortuna. Suo il cross, da un’aperturona di Dybala, per la testa di McKennie: lavagna, lavagna delle mie brame. Sei vittorie e due pareggi nelle ultime otto. Rare occasioni; palla sui piedi, spesso. Come una volta: ma senza i campioni di una volta. E il piccolo Sivori, lontano dall’area (solo dall’area?): troppo, ma serviva, serve, un filo di luce.

tutte le notizie di