DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

IL CAGLIARI RIPARTE DA VERONA

Il Cagliari si batte a Verona, un pareggio d’orgoglio

VERONA, ITALY - NOVEMBER 30: Mahitan Nandez of Cagliari Calcio competes for the ball with Giovanni Simeone of Hellas Veronaduring the Serie A match between Hellas Verona FC v Cagliari Calcio at Stadio Marcantonio Bentegodi on November 30, 2021 in Verona, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il Verona sbatte sulla muraglia organizzata da Mazzarri. Un filo di coraggio premia JP10 e soci. Il punto dà autostima, è complicata ma potrebbe servire

Redazione DDD

analisi di Mario Frongia per Calciocasteddu.it -

Terzo pareggio di fila. Meglio, con la porta imbattuta. Certo, la musica in classifica cambia di poco. Ma intanto, è la Salernitana, sconfitta dalla Juve, a reggere il moccolo in coda. Al Bentegodi lo 0-0 sa di buono. Adesso, testa al Torino, atteso lunedì nel posticipo. A Verona – per l’ennesima partita da dentro o fuori dopo un terzo di campionato – si chiude a testa alta. Tenuto conto dei limiti noti e soliti, non è male. Radunovic; Caceres, Ceppitelli, Carboni, Lykogiannis; Bellanova, Nández, Grassi, Dalbert; João Pedro e Keita Baldé sono i primi undici: meglio tenerli a mente. Godin e Strootman, per infortuni veri o presunti, non ci sono. All’ultimo salta anche Marin: febbre (tampone negativo, non è Covid). Il romeno va in panca, dove trova anche Pavoletti. I padroni di casa ripartono da un record: in Europa l’Hellas, come Psg e Borussia Dortmund, ha firmato cinque vittorie di fila al Bentegodi. Una buona ragione per spezzare la striscia. Ma i veneti arrivano dal ko di Genova con la Samp. Il Cagliari si è mangiato le mani dopo aver subito in casa il pari al ’90 dalla Salernitana. Nel pari si intravede una folata di autostima. Vedremo. Tatticamente poca roba, ma la battaglia c’è stata. E fa onore alla formazione isolana. Il migliore in campo? Radunovic!

 (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Sul terzo portiere della nazionale. Scrive un lettore: “A gennaio ne vedremo delle belle. Intanto, non mi convince questa assenza, causa arrivo della secondogenita, di Alessio Cragno. Ma come, si va in casa del Verona, squadra che in casa ha fatto l’80 per cento dei punti, Cragno ci ha salvato da decine di sconfitte, blindato pareggi e vittorie, in passato, e neanche mezza proposta per mettergli a disposizione un volo privato come è successo con Pavoletti tre anni fa a Firenze! Per aver subito un gol, dove poteva fare meglio, in tanti l’hanno massacrato. Sbagliato”. Un altro rincara la dose: “I giornalisti compiacenti parlano di un obbligato colpo di reni, di riscossa, di cuore, come se la squadra fosse decima in classifica e venisse da un momento no, magari tre pareggi e due sconfitte. Siamo ultimi e fanno a gara a non dire che Mazzarri o Guardiola, con questa rosa, cambia poco”. Opinione più che condivisibile. Da un pezzo.

Coccole self service. Un po’ ovunque, grazie anche al pressing dell’Ussi (Unione stampa sportiva italiana) con il supporto e le indicazioni di Figc, Lega, Coni e Sottosegretariato allo sport, si sono riaperte anche le sale stampa degli stadi, ovviamente nel rispetto delle norme, con distanziamenti, mascherine, green pass eccetera. Il Cagliari resiste. O meglio, non si ha memoria per ricordare l’ultima conferenza stampa pre-gara in presenza. Forse, si devono riannodare i fili e tornare all’epoca Maran. Però, mentre la saletta stampa di Asseminello rimane chiusa – è difficile pensare che Mazzarri possa fare storie nel dover parlare prima dei match nella sala, per esempio, per i media alla Domus o a Palazzo Doglio – promuove eventi di vario genere. In presenza. Ad esempio, la presentazione di un libro, proprio a Palazzo Doglio, con invito profuso a tutte le testate giornalistiche. Il tema del volume? Quanto è bravo è il club nelle politiche sociali, di marketing, nelle attenzioni ai tifosi e a tutto il resto.

A proposito di eventi. Sempre nei giorni scorsi la società ha dato fiato alle trombe per un evento con altri enti. Tra le motivazioni virgolettate del patron anche “la sensibilizzazione e l’educazione ambientale, realizzato in collaborazione con Legambiente e caratterizzato da laboratori didattici e giornate di pulizia del territorio”. Per dire, si potrebbe cominciare da una visita, magari con i bambini delle scuole di Uta, Capoterra, Cagliari e Assemini, agli impianti di lavorazione del fluoro a Macchiareddu. O no?

tutte le notizie di