DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

IL DADO E' TRATTO

Il derby fra Uefa e Super League, fra i ricchi e i poveri

Super League: ci sono Milan, Inter e Juve. Il presidente sarà Florentino Perez: dodici le squadre fondatrici, altri tre club dovrebbero aderire prima della stagione inaugurale.

Redazione DDD

analisi Facebook di Roberto Beccantini -

Naturalmente, andrà a finire che si metteranno d’accordo e chi è più ricco diventerà ancora più ricco e chi è già povero lo resterà, nel migliore dei casi. La pandemia ha accelerato eresie e frenesie. La Superlega alla quale hanno aderito dodici società - fra le quali Inter, Juventus e Milan - è un’idea che in passato era venuta a Silvio Berlusconi e che, di recente, ha eccitato Andrea Agnelli e, soprattutto, Florentino Perez: il presidente di quel Real Madrid che, dopo aver contribuito alla fondazione della Coppa dei Campioni, oggi spinge per un rodeo esclusivo e privato, con lo ius bacheche che schiacci lo ius campi. Per carità, la democrazia è talvolta noiosa - penso a certe partite di certe fasi a gironi - ma persino il troppo stroppia: caviale e champagne a ogni portata, prima o poi faranno ruttare. Fifa e Uefa hanno proclamato una sorta di guerra santa. In Inghilterra, si parla di «atto criminale». Federazioni e Leghe minacciano «punizioni esemplari» (già sentita). Sorrido. Pochi hanno colto la solidarietà involontaria di Andrea, pronto, pur di far cassa, a sacrificare quei campionati nazionali che, dal 1996, ne costituiscono l’unico «reddito» a livello sportivo.

Ci si riempie la bocca di slogan tipo «la nostra Nba», senza conoscerne l’effettiva diversità, basata sull’equilibrio dei bilanci e dei mercati. «La guerra dei ricchi» ha titolato «L’Equipe», bastonandone i contenuti. Il mio favorito per l’attuale Champions, quella che si concluderà a Istanbul il 29 maggio, era il Manchester City. Dopo che ha aderito alla sedizione, occhio al Paris Saint-Germain, già temibile di sé e, per ora, fra i non iscritti. Ci saranno nuovi Nottingham Forest? Mi direte: non c'erano più, da un pezzo. Parlo in generale. Il mondo cambia, che discorsi: ma così mi pare che cambi solo per qualcuno.

tutte le notizie di