DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

LA VITTORIA DEI BIANCONERI

Juventus-Cagliari 2-0: ma sull’1-0…

TURIN, ITALY - DECEMBER 21: Federico Bernardeschi of Juventus scores a goal during the Serie A match between Juventus and Cagliari Calcio at Allianz Stadium on December 21, 2021 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il Cagliari ha anche sfiorato il pareggio...

Redazione DDD

analisi Facebook di Roberto Beccantini -

Due a zero a Salerno, 2-0 al Genoa, 1-1 a Venezia, 2-0 a Bologna, 2-0 al Cagliari: 13 punti su 15. Le crocerossine si ritirano, in buon ordine. Dalla Befana in poi, si spara: Juventus-Napoli, Roma-Juventus, la Supercoppa con l’Inter. San «Gennaio» o santabarbara, chi vivrà vedrà. Che partita è stata Juventus-Cagliari? La solita zuppa, con un palo e un gol di Kean nel primo tempo, il raddoppio di Bernardeschi nel finale. Non era più il Cagliari che ne aveva presi 4 dall’Inter (l’Inter, per carità: altra categoria) e 4 dall’Udinese in casa (l’Udinese: insomma). Era il Cagliari degli epurati (Godin, Caceres, eccetera) che, «eppur si muove», sullo 0-1 ha ciccato la palla del pareggio, clamoroso, con lo sciagurato Egidio-Dalbert, imbeccato da Bellanova, e costretto Szczesny a un mezzo miracolo su Joao Pedro, servito in cross da Zappa.

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Mazzarri non aveva fatto nulla di speciale: dentro un centravanti puro (Pavoletti) e l’azzurrabile Joao Pedro, finalmente, libero d’attacco. La Juventus di Allegri si era ritirata. Le capita, ogni tanto (sic). Avevo pronta la metafora, stravecchia, del chirurgo che, dopo aver addormentato il paziente sotto i ferri, si appisola a sua volta e viene operato dal paziente risvegliatosi dall’anestesia. Troppo distanti i valori, troppo poco il fatturato offensivo. Kean ora a sinistra ora al centro, Morata idem, un po’ di palleggio attorno ad Arthur, le sgommate di Cuadrado, il piattume di Rabiot e Bentancur. Dal loggione: però 6 vittorie nelle ultime otto. E dunque: l’eterna lotta fra i bicchieri mezzo pieni dei risultatisti e i bicchieri mezzo vuoti dei prestazionisti. Fra i pro Allegri che ne lustrano l’efficacia sinergica e gli anti che ne pizzicano le flessioni che i pro scambiano per (ri)flessioni. Où sont les neiges d'antan: già, dove sono.

La notizia è il gol di Bernardeschi, complice Cragno. Non segnava dal 26 luglio 2020, con Sarri. Alla Samp, la rete scudetto. Da un mese è il più vivo e, fino al limite dell’area, da 7. Da lì in poi, non più. Anche se i suoi assist (o sedicenti tali, come quello, deviato, per Kean) restano sugheri di adrenalina in un mare di oppio.

tutte le notizie di