TIFOSI BIANCONERI: IL CONFRONTO SOCIAL

Juventus, il derby fra filosocietari e non: ma cos’è l’ambizione?

Juventus, il derby fra filosocietari e non: ma cos’è l’ambizione? - immagine 1
Non sempre è tutto bianco o tutto nero...

Redazione DDD

analisi Facebook di Emiliano Faziosi -

Il mio obiettivo "social" non è, come molti possono pensare, quello di rompere le scatole a chi la pensa diversamente da me, quanto quello di analizzare e capire le dinamiche del tifo bianconero. Ecco perché, delle tante accuse che vengono rivolte a quelli come me, quelli, cioè, che si ritengono semplici tifosi che accettano tanto le vittorie quanto le inevitabili sconfitte come cose normali nella vita e nello sport, quella che trovo migliore in assoluto è: !

Juventus, il derby fra filosocietari e non: ma cos’è l’ambizione?- immagine 2

Essere ambizioso significa cercare di indirizzare la propria vita verso il raggiungimento dei risultati prefissati. Poi ci sono i capricci, quelli che gli adulti non dovrebbero fare. Se io mi presentassi in riunione con i miei soci dicendo: "basta, sono stufo! Voglio guadagnare 2 milioni di euro al mese e poi fare una exit da 1 miliardo" sarei o un cretino, o un bambino capriccioso.

Ma arriviamo alla Juve...

Il tifoso deve fare il tifo. Può farlo in svariati modi: può godere per le vittorie e sminuire le sconfitte accettandole come inevitabili, oppure può arrabbiarsi, indignarsi, contestare, criticare. Tutto legittimo, ciascuno sceglie come tifare. Ma, e qui arriviamo al discorso, il tifoso non può coltivare ambizioni, perché l'ambizione è qualcosa che riguarda ciò che abbiamo nel nostro controllo. Se nel lavoro sono ambizioso, posso arrivare a guadagnare di più o a ottenere delle promozioni. Nel calcio, invece, essere ambiziosi non porta a niente, perché questo nostro sentimento non può trasformarsi in azione. E senza azione, non si ottengono risultati!

Vedete, se anche tutti i tifosi della Juve fossero come quella minoranza rumorosa che: - odia l'allenatore;

- odia i giocatori (amando però quelli che se ne vanno);

- odia i dirigenti;

- sminuisce le vittorie ed enfatizza le sconfitte;

Quindi, davvero, quando si criticano i "filosocietari", è meglio usare argomenti più intelligenti, perché far passare i capricci da bambini non realizzati per ambizione è una cosa che fa perdere credibilità a tesi già di per sé discutibili

Un abbraccio, amici ambiziosi!

tutte le notizie di