DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

LAZIO-NAPOLI 1-2

Napoli, la partita vinta due volte

ROME, ITALY - FEBRUARY 27: Fabian Ruiz of SSC Napoli celebrates a second goal during the Serie A match between SS Lazio and SSC Napoli at Stadio Olimpico on February 27, 2022 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

L'Inter resta favorita ma...

Redazione DDD

analisi Facebook di Roberto Beccantini -

Il sinistro filante di Fabian Ruiz, al 94’, dopo il destro di Insigne e il mancino di Pedro. E così Lazio-Napoli 1-2. Ma soprattutto: Napoli e Milan 57, Inter 55 (e un Bologna in meno). Mancano undici turni (dodici ai campioni). Erano in tre, per lo scudetto, e tre restano. Sono un po’ stanche, non sono perfette (ma chi lo è?), Pioli è uscito dall’Europa già a dicembre, Spalletti da giovedì, Inzaghi è appeso ad Anfield. Le milanesi si misureranno in coppa, primo round martedì: e domenica sera, al Maradona, Napoli-Milan. Con Inter-Salernitana già di venerdì.

 (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il Napoli, invece, è libero. Impegni extra, zero. Veniva dai triboli di Cagliari e dalla lezione che il Barça gli aveva inflitto. Spalletti l’ha rianimato. Sarri, lui, nel post-Porto ci è riuscito a metà. Bel primo tempo, con Milinkovic-Savic in cattedra, come lo sanno essere i «brasiliani» dell’ex Jugoslavia. Occasioni, emozioni. Una Lazio al dente e un Napoli strano, molle, impreciso. Alla ripresa, zitta zitta, la partita si è rovesciata. Il Napoli ha guadagnato terreno, gli avversari l’hanno perso. Spalletti ha tolto Zielinski e inserito Elmas. Una delle chiavi. Da quel momento, più munizioni a Osimhen e meno a Immobile. Doveva ancora segnare su azione, Insigne. Tutti da fuori area, i gol. Il suo, classico, sull’ennesima «distruzione» dal basso. A quel punto, sembrava fatta. Invece no. Il Napoli ha dovuto vincerla due volte. Il mancino di Pedro aveva coronato la reazione della Lazio, più di carattere che di lavagna.

Se la sventola di Pedro era un tuono, la traiettoria di Fabian Ruiz - sin lì, né carne né pesce - è stata un lampo. A uscire, di perfida angolazione. Un morso, non un graffio. Suo e, in generale, dei suoi. Sarri segnava, alla fine, e Spalletti si segnava. La sintesi della notte. Favorita resta l’Inter, ma i pronostici sono tracce, non sentenze. Soprattutto i miei.

tutte le notizie di