Salvini spina nel fianco del Milan: perchè fare le pulci al successo meritato di Parma?

Salvini spina nel fianco del Milan: perchè fare le pulci al successo meritato di Parma?

Discussioni rossonere post-Tardini

di Redazione DDD

di Franco Ordine –

I tifosi vanno capiti. Alcune volte anche giustificati. Specie quando dai loro amori calcistici arrivano puntuali delusioni e disavventure prolungate. Vanno capiti perché sanno essere giudici inflessibili nei giorni complicati ma tenerissimi amanti in quelli gioiosi.

Nel caso del Milan, la “rottura” tra club e tifoseria dura da alcuni anni, in pratica dal primo passaggio di proprietà ai cinesi via Mediaset per proseguire anche adesso che l’azionista è diventato Elliott, il fondo americano con 35 miliardi di dollari in dote. Matteo Salvini è stato un critico spietato nel passato torneo quando ha preso di mira Gattuso e il calcio esibito nella stagione in cui ha sfiorato la Champions per un punto. Fino ad allora l’abbiamo anche capito. Adesso no. Adesso che è salito in cattedra per fare le pulci persino al successo di Parma proprio no.

E certo non perché il Milan di Parma abbia meritato applausi a scena aperta ma perché un tifoso, così noto e così famoso, non può diventare una spina nel fianco anche nelle ore meno amare della terza vita del Milan.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy