DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

RINNOVO DEL CONTRATTO A FORTISSIMO RISCHIO

Al derby con la pistola, il Penarol: “Schiappacasse non lo rivogliamo”, in carcere fino a giovedì

Al derby con la pistola, il Penarol: “Schiappacasse non lo rivogliamo”, in carcere fino a giovedì

Un tifoso del Peñarol è stato arrestato con una pistola 9mm mentre si recava al derby con il Nacional Montevideo. Nicolás Schiappacasse stava andando alla partita quando la polizia lo ha trattenuto per un controllo di routine e ha scoperto tutto

Redazione DDD

Un giovane calciatore uruguaiano che attualmente gioca per il Club Atlético Peñarol è stato arrestato mercoledì dalla polizia a Maldonado per essere stato trovato in possesso di un'arma di grosso calibro. Nicolás Schiappacasse è un calciatore uruguaiano, attaccante del Sassuolo. Nel 2016 è stato inserito nella lista dei migliori sessanta calciatori nati nel 1999 stilata da The Guardian. Il giocatore di 23 anni stava andando a vedere il secondo derby estivo del Penarol contro il Nacional alla vigilia del rinnovo del contratto quando gli è stata sequestrata una pistola 9 mm con otto munizioni.

Schiappacasse, che è stato assunto giovanissimo dall'Atlético Madrid e il cui cartellino ora appartiene al Sassuolo, dovrà testimoniare questo giovedì davanti alla procura di Maldonado Carolina Dean per spiegare l'accaduto. Secondo il quotidiano locale El País, l'attaccante ha detto alle forze di sicurezza che avrebbe consegnato l'arma a una persona una volta entrato nello stadio. A quanto pare, ha cercato di liberarsi dell'arma quando ha visto la polizia. L'ex attaccante delle nazionali giovanili uruguaiane stava viaggiando come passeggero su una Hyundai Accent insieme ad altre tre persone ed è stato arrestato sulla Route 9 al chilometro 81, nella località di Solís. L'auto era guidata da un uomo di 22 anni  con precedenti penali, e aveva a bordo anche due ragazze, di 22 e 18 anni. "Se le cose stanno come descritto, il giocatore non tornerà al Peñarol e non esiteremo un secondo perché è anche il momento di non far passare quel tipo di messaggio. Oggi non posso assicurare nulla finché non saprò cosa è successo. Dobbiamo capire bene come sono andate le cose”, ha detto Ignacio Ruglio, presidente del Peñarol, in conferenza stampa dopo la vittoria per 1-0 della sua squadra sul Nacional.

Le fonti della Procura consultate da El País hanno confermato che Nico Schiappacasse resterà in custodia almeno fino a questo giovedì: si sta indagando a chi avrebbe consegnato l'arma una volta allo stadio. Inoltre, secondo la Polizia Stradale, sarebbe stata sequestrata anche una "pillola stupefacente". Questo scandaloso arresto arriva proprio quando il calciatore aveva tutte le carte in regola per rinnovare il suo contratto con il Peñarol ma, soprattutto, nel bel mezzo della forte battaglia che il ministero dell'Interno uruguaiano sta dando contro la violenza nel calcio. Un paio di settimane fa, due tifosi sono stati uccisi tra le curve ultrà di entrambe le squadre.

tutte le notizie di