DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

ATTO D'ACCUSA

Betis, un criminologo contro il Siviglia: “E’ stato Lopetegui a dire a Jordan di cadere nel derby”

SEVILLE, SPAIN - JANUARY 16: Julen Lopetegui, Head Coach of Sevilla speaks to Monchi, Sporting Director of Sevilla prior to the Copa Del Rey round of 16 match between Real Betis and Sevilla at Estadio Benito Villamarin on January 16, 2022 in Seville, Spain. (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

La perizia del Betis sul derby mostra che Lopetegui dice a Jordán "cadere a terra". La requisitoria si basa su un criminologo, un logopedista e uno psicologo forense per descrivere cosa è successo nell'area della panchina nel derby di Coppa.

Redazione DDD

La perizia su cui il Betis ha basato gran parte delle sue accuse davanti alla Commissione disciplinare nel ricorso per evitare la squalifica dello stadio Benito Villamarín include molte sequenze su quanto accaduto in zona panchina durante i minuti successivi all'attacco con il bastoncino di PVC lanciato da un tifoso sulla testa di Joan Jordán alla fine del primo tempo del derby di copa del Rey fra Betis e Siviglia. Il Betis ha presentato una relazione basata su una squadra investigativa composta da uno specialista in criminologia, un esperto in comunicazione non verbale, un logopedista e uno psicologo forense. L'atto biancoverde inizia quando Jordán viene attaccato e il rapporto afferma che "il colpo è reale, anche se secondo uno degli operatori sanitari che lo curano il colpo è molto lieve. Lo stesso giocatore gesticola e comunica verbalmente all'arbitro che sta bene", poi il Betis fa notare su Jordán che "i successivi otto minuti sono di comportamento normale, apparentemente senza sintomi di vertigini o stanchezza".

 Julen Lopetegui (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Il Betis si concentra sulla figura di Juan Martagón, delegato del Siviglia. "Il signor Martagón si muove e cerca l'opportunità di parlare con Ivan Rakitic quando non c'è l'arbitro nelle vicinanze. E poi, quando è fuori dalla portata degli arbitri, parla con il signor Lopetegui in confidenza”, recita il testo del Betis. Da lì in poi il protagonista della requisitoria Betis diventa il tecnico avversario Julen Lopetegui. Sarebbe lui che dice a Jordán di “cadere la terra". "Da quel momento in poi - secondo il Betis - si può vedere come Jordán inizia a dare segni di vertigini ed è allora che si siede per terra", conclude il rapporto reso pubblico da El Chiringuito, che contiene 23 pagine con immagini, cornici e descrizioni allegate. Ciò che il Betis ha mostrato nel suo appello coincide con ciò che molti dei suoi calciatori hanno sottolineato poche ore dopo la sospensione del derby, accusando Lopetegui e Jordán di chiedere la sospensione del derby, ripreso poi il giorno dopo a porte chiuse e vinto dal Betis 2-1. Sono stati Camarasa, Miranda, Tello, Borja Iglesias e Willian José ad alzare la voce sui social network. Il primo è stato Camarasa, che ha condannato gli sfortunati eventi accaduti allo stadio Villamarín ma ha puntato il dito direttamente sullo stesso Jordán e l'allenatore del Siviglia, Julen Lopetegui, perché quest'ultimo ha indotto il suo giocatore a sdraiarsi e a fingere di non poter continuare. "Azione imbarazzante e ingiustificata di qualcuno che non rappresenta i nostri tifosi. Spero che Joan Jordán stia bene, anche se abbiamo sentito tutti (compreso il 4° arbitro) come il suo allenatore lo ha incoraggiato a gettarsi a terra'", era stato il messaggio di Camarasa. Esattamente sulla stessa linea, il suo compagno di squadra, Juan Miranda, è intervenuto sui social network. “Condanno completamente quello che è successo nella triade e spero che Jordan stia bene. Abbiamo tutti sentito come il suo allenatore lo ha incoraggiato a buttarsi e avere le vertigini, sapevano cosa stavano facendo".

 

tutte le notizie di